Proseguendo la serie di incontri intitolati “Perfetta imperfezione: la casa giapponese e i suoi oggetti”, organizzati dall’Università Popolare di Trieste in collaborazione con l’Associazione Yūdansha Kyōkai – Iwama Aikidō – Trieste, mercoledì 3 aprile, alle ore 18.00 (prima replica) e alle ore 20.00 (seconda replica), alla Sala “Sbisà” di via Torrebianca 22, si terrà la conferenza “Armonie di arbusti e acqua: washi, la carta giapponese”, a cura di Giovanna Coen.

La carta rappresenta una delle tradizioni e dei mestieri più antichi e stimati, le cui tecniche di produzione arrivarono in Giappone dalla Cina nel VI secolo.

La produzione in Giappone prese ben presto piede utilizzando piante autoctone e raggiunse un ineguagliato livello di maestria.

Divenne quindi un materiale utilizzato per una innumerevole produzione di oggetti nei più svariati campi: arredamento, architettura, scrittura, pittura, ventagli, ombrelli e così via, tant’è vero che la carta washi in Giappone non è considerata un materiale: essa è cultura.

Un materiale così duttile, ma allo stesso resistente, frutto di una conoscenza vecchia di secoli, ma che riesce raccoglie le sfide della modernità.

 

Per informazioni: Università Popolare di Trieste – tel. 040 6705200

Armonie di arbusti e acqua, alla Sala “Sbisà”
0.00(0 votes)
Comment(0)