5

E’ stata inaugurata stamane nella sala “Carlo Sbisà” di Via Torrebianca 22 a Trieste la mostra delle opere degli studenti del Liceo Artistico “Enrico e Umberto Nordio” partecipanti alla seconda edizione del progetto didattico Vivere nella Storia, promosso dall’Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia (ANVGD) – Comitato Provinciale di Trieste nell’ambito del Giorno del Ricordo per diffondere nelle scuole medie superiori della provincia la conoscenza della storia, dei costumi e degli eventi delle popolazioni istriane, fiumane e dalmate di lingua e cultura italiana, con particolare riguardo a foibe ed esodo.
I lavori pervenuti erano 79, di cui 74 individuali e 5 di gruppo. 15 studenti hanno svolto lavori di gruppo, mentre 16 lavori sono stati eliminati.
All’allestimento hanno collaborato i docenti del “Nordio” Renzo Grigolon, Manuela Cerebuch e Luigi Leaci insieme a Federica Cocolo e Marco Relli dell’ANVGD di Trieste. L’evento è in collaborazione con l’Associazione delle Comunità Istriane, FederEsuli, l’Università Popolare di Trieste (UPT), il Centro di Documentazione Multimediale della cultura giuliana, istriana, fiumana e dalmata (CDM), l’Associazione Linea Azzurra e il Libero Comune di Pola in Esilio, ed ha il Patrocinio del Comune di Trieste.
Anche i visitatori della mostra potranno partecipare alla valutazione dei lavori esposti indicando al massimo tre opere tramite dei gommini adesivi. Poi si riunirà un’apposita giuria di esperti. La cerimonia di premiazione si svolgerà a metà marzo.
Stamane la sala di Via Torrebianca era gremita di studenti del “Nordio” accompagnati dai loro insegnanti. A tagliare il nastro inaugurale è stata una studentessa insieme al presidente nazionale e provinciale dell’ANVGD Renzo Codarin, il quale ha ringraziato il dirigente scolastico reggente, i docenti e gli studenti del “Nordio”, oltre che gli altri sodalizi co-promotori, esprimendo soddisfazione per il fatto che la scuola si occupi delle tematiche degli esuli. Codarin ha reso noto che si sta lavorando affinché la premiazione dei lavori partecipanti al prossimo concorso abbia luogo il 10 febbraio 2016 a Roma nella sede istituzionale preposta alla celebrazione ufficiale del Giorno del Ricordo.
Manuele Braico, presidente dell’Associazione delle Comunità Istriane e vicepresidente dell’UPT e di FederEsuli, si è complimentato con i ragazzi auspicando che quest’anno la premiazione possa avvenire nell’aula del Consiglio comunale di Trieste.
La prof.ssa Cerebuch ha portato i saluti del dirigente scolastico reggente prof. Teodoro Giudice, coordinatore dei lavori, sottolineando l’apertura del Liceo artistico “Nordio” al territorio e l’immediata concretizzazione esterna dei lavori didattici avvenuta partecipando a questo concorso.
Il presidente dell’UPT Fabrizio Somma, che ha messo a disposizione la sala espositiva dell’ente, ha rilevato come questa mostra si collochi nell’ottica di condivisione del Giorno del Ricordo da parte di giovani che, a Trieste come in altre parti d’Italia, nulla c’entrano per ragioni anagrafiche con foibe ed esodo.
E’ seguita la proiezione di un audiovisivo di circa cinque minuti raffigurante immagini d’epoca di vita familiare e rurale in Istria, foto dell’esodo e di vittime delle foibe, nonché immagini attuali (offerte da Gianfranco Abrami) con un sottofondo di musiche composte ed eseguite da Marco Relli, con vocalizzazioni di Federica Cocolo (che ha anche curato il montaggio) e la recita di una poesia da parte dell’attrice Mara Svevo.
La mostra sarà visitabile nei seguenti giorni e orari: mercoledì 11, giovedì 12 e venerdì 13 febbraio dalle ore 10 alle 13 e dalle 15 alle 18; sabato 14 dalle 10 alle 13.

Giorno del Ricordo: inaugurata la mostra “Vivere nella storia”
0.00(0 votes)
Comment(0)