CrevatinBUIE | Il professore Franco Crevatin dell’Università degli Studi di Trieste torna nella sua Buie per parlare ancora di dialetti, ma stavolta si sofferma sull’importanza che una parlata assume oggi per la società. Lo fa ripercorrendo la Storia dell’Istria, quella con la “S” maiuscola, e racconta le peculiarità etimologiche di alcune parole, come i toponimi delle campagne e i nomi di vari utensili agricoli, come la “piovìna” e altri.
“La politica passa, la scienza resta”, è una frase già sentita dalla bocca del linguista, ma giovedì sera ha voluto ribadire il concetto. “La cultura è la serva del potere”, ha rilevato riferendosi al fatto che solo con la conoscenza si può contrabbattere a quei soggetti che erroneamente hanno immesso e continuano ad immettere nell’immaginario collettivo considerazioni scientificamente poco corrette. Tanto per fare un esempio, la già ribadita classificazione dei dialetti dell’Istria meridionale semplicemente come dialetti istriani, non soppiantati dal veneziano coloniale. Erroneamente, infatti, si definiscono “istroromanzi”, o peggio ancora, “istrioti”. Il dialetto parlato a Buie, invece, si può definire tranquillamente “istroveneto”, o “goldoniano”. Lo ha confermato anche Marino Dussich, già autore dell’apprezzato “Vocabolario della parlata di Buie d’Istria”, di cui ha anticipato una seconda edizione in uscita nei prossimi mesi.
Dopo i saluti della presidente della Comunità degli Italiani di Buie, Eliana Barbo, a introdurre il professore Crevatin è stato lo storico Gaetano Benčić. Presente pure Susanna Isernia, dell’Università Popolare di Trieste, istituzione promotrice dell’evento assieme all’Unione Italiana, con il contributo del Ministero degli Affari Esteri italiano. In sala pure la vicepresidente della Regione Istriana per la minoranza italiana, Giuseppina Rajko, la sovrintendente regionale per i Beni culturali della Croazia, Lorella Limoncin Toth, e Irena Penko, preside della SMSI “Leonardo Da Vinci” di Buie. (dk)

da “La Voce del Popolo” di Fiume

Storia dell’Istria tramite i dialetti
0.00(0 votes)

Post by admin

Related post

Comment(0)