A partire da domani, giovedì 5, fino a domenica 8 settembre, in piazza Ponterosso, saranno quattro giornate molto intense di cultura, musica, cibi esotici, mercato multietnico, mostre, cinema volante, dibattiti interculturali, fiabe per bambini sotto una tenda mongola. Tutti ingredienti di “Sottolostessocielo 2013”, la manifestazione annuale dedicata al panorama multietnico promossa dalla Confesercenti del FVG, in coorganizzazione con il Comune di Trieste. E che quest’anno ritorna nella sede storica di piazza Ponterosso con importanti novità accanto ai temi della multiculturalità, in particolare nell’ambito di una tavola rotonda, con la partecipazione delle parti sociali e della politica, si discuterà sull’ “occupazione in regione”.
L’iniziativa – che sarà inaugurata domani, alle 16.30, in via Cassa di Risparmio, alla presenza della Autorità – è stata presentata stamane in Municipio dall’assessore allo Sviluppo Economico Edi Kraus e dal presidente regionale Confesercenti FVG Giuseppe Giovarruscio. Sono intervenuti il responsabile della Politiche del Lavoro di Confesercenti Gian Piero Gogliettino, il direttore artistico Fausto Vilevich e il presidente dell’Università Popolare di Trieste Silvio Delbello.
La rassegna, salutata da una crescente partecipazione di pubblico, torna in questa XII edizione con immutato spirito e nuove iniziative. “La prima novità – ha sotolineato l’assessore Kraus – riguarda la sede: grazie all’Amministrazione comunale che è coorganizzatrice dell’evento, la manifestazione ritorna alla storica location della centralissima piazza Ponterosso e zone limitrofe. L’area è nuovamente qualificata con il ponte Joyce che ha consentito ‘comunicare’ e di vivificare al meglio tra loro le varie parti oltre il canale, specie in occasione di manifestazione come questa, che richiamano grande pubblico e che animano il centro cittadino. Un ringraziamento va anche ai commercianti, e alla Confesercenti, che hanno aderito di buon grado a mantenere la musica fino alle 23.00, nel rispetto delle persone e del regolamento comunale cosiddetto ‘antimovida’ in vigore dal 15 agosto”.
Tre gli scenari della rassegna che ospiteranno gli eventi pomeridiani e serali. Al palco principale di Piazza Ponterosso si affiancheranno quello secondario (ma non per importanza degli eventi ospitati) di via Cassa di Risparmio dove si terranno le esposizioni, le tavole rotonde e l’animazione per bambini e il Ponte Joyce (il cosiddetto “Ponte curto” che farà da scenario alle proiezioni cinematografiche della Cortomobile (un’altra delle novità del 2013). Anche quest’anno saranno quattro le serate a ingresso libero, che vedranno concentrato un grande numero di eventi dedicati alla conoscenza della realtà multiculturale con tutta la sua vitalità creativa, produttiva e commerciale dove l’intrattenimento si alternerà all’analisi di tematiche di stretta attualità.
Di grande rilevanza l’appuntamento incentrato sul tema del lavoro: il responsabile delle Politiche del Lavoro della Confesercenti FVG, Gian Piero Gogliettino, sarà il moderatore della tavola rotonda “Politiche del lavoro in FVG: quali prospettive?”. La partecipazione di rappresentanti politici e delle parti sociali territoriali “permetterà di confrontarsi senza preclusioni su un tema di scottante attualità. Come Confesercenti – ha spiegato Gogliettino – indicheremo una serie di proposte che si svilupperanno lungo due direttrici, sviluppo e lavoro, soffermandoci sugli strumenti di politiche attive del lavoro e sulla riorganizzazione dei servizi per l’impiego allo scopo di favorire l’incontro tra domanda e offerta”.
L’incontro “La sfida di John Mpalizza. Il futuro dell’Africa”, in programma in Via Cassa di Risparmio e che vedrà per protagonista un ingegnere informatico congolese da 17 anni in Italia, intende sensibilizzare l’opinione pubblica mondiale sulla situazione della Repubblica Democratica del Congo.
Grazie agli appuntamenti curati dall’associazione culturale irReale-Narrativakm0 verranno presentati scrittori emergenti ed esordienti del FVG, che, pur dimostrando talento, non sono ancora riusciti ad ottenere la giusta visibilità.
Ulteriore novità, i film della “Cortomobile, il cinema più piccolo del mondo”: una vera e propria sala cinematografica allestita all’interno di un’Alfa Romeo 2000 del 1974 dove si possono guardare cortometraggi per grandi e piccini.
Non mancherà una proposta specifica per bambini collegata, come nella filosofia sposata fin dalla prima edizione dalla rassegna, alla multietnicità e alla multiculturalità. Sotto una jurta (tenda mongola) realizzata con legno, canne di bambù e corda si terranno ogni pomeriggio laboratori per bambini e svolgeranno attività motorie e artistiche.
A completare il programma, illustrato dal direttore artistico Fausto Vilevich, un ricchissimo calendario di concerti serali (la pocket size Orchestra Démodé, la musica balcanica di Donald Trumpet e quella klezmer della Alef Band + Davide Casali), il jazz moderno e gypsy del Mocambo Swing, il folklore serbo con l’esibizione dei gruppi folkloristici dell’Associazione culturale serba “Pontes-Mostovi” , il cabaret con l’imitatore e comico Flavio Furian, la recita “150 la gallina canta” su testo di Achille Campanile a cura di Accademia Musical Theather Trieste.
Il nuovo contenitore SottolastessaDANZA offrirà quotidianemente uno spazio alle associazioni e alle scuole di ballo e danza sportiva (Eos arte in movimento, Accademia Danze Trieste, Scuola di formazione musicale Artemusica, About dance, La noce, Asd Annalisa Danze, Salice Verde, Viento Flamenco, Accademia Musical Theatre Trieste, Scuola di ballo Arianna, Officine Artistiche, Studio Dance).
“La manifestazione – ha spiegato il Presidente regionale di Confesercenti, Giuseppe Giovarruscio – sta conoscendo una continua crescita, sia in termini qualitativi che di ampliamento culturale e anche quest’anno proseguiremo in questo cammino ampliando ulteriormente le proposte con due tavole rotonde dedicate all’integrazione e al mercato del lavoro. Da 12 anni l’evento si pone all’insegna della integrazione naturale tra le diverse etnie, culture e tradizioni che ormai convivono al nostro fianco, ma non sempre siamo preparati ad interpretarne i segnali di speranza in un futuro di benessere condiviso e di ricerca di una felicità equamente distribuita. Anche per questo motivo, tra i vari eventi culturali e sociali che caratterizzano l’evento, quest’anno abbiamo voluto assegnare un ruolo di primo piano alla madre di tutti i problemi: il lavoro e le politiche che lo sottendono. Siamo ben consapevoli del momento di criticità vissuti soprattutto dal terziario e per questo abbiamo pensato di unire in maniera ancora più marcata proposte culturali e commerciali, perché siamo convinti che completandosi a vicenda, questi settori nevralgici del tessuto cittadino possano dare avvio a nuove opportunità di crescita, sia commerciale che culturale e turistica. Inoltre nell’assegnazione degli spazi abbiamo voluto dare priorità agli operatori ed esercenti locali. La manifestazione da quest’anno si apre all’associazionismo, con l’intendimento di arrivare a coinvolgere le associazioni e fare rete, riuscendo a costruire un evento di largo respiro che possa fungere da collante e da volano economico, che possa anche diventare itinerante. Tutto questo nell’ottica di creare un marchio riconoscibile attorno a cui coagulare varie anime pulsanti del tessuto culturale sociale per realizzare eventi e manifestazioni legate da una matrice sociale e culturale oltre che di richiamo turistico. La manifestazione da quest’anno si apre infatti all’associazionismo locale e alle scuole di ballo e associazioni di danza sportiva, offrendo spazi di visibilità gratuiti”.
Il presidente dell’Università Popolare di Trieste, Silvio Delbello, ha illustrato il programma delle attività culturali e di formazione che l’Ente realizza nella città e nella provincia di Trieste. In particolare è stato posto l’accento sull’attività relativa all’organizzazione dei corsi di lingue e di cultura varia, destinata agli adulti e ai giovani, tenendo presente le implicazioni sociali di tale attività. E’ stato ricordato che, in collaborazione con il Comune di Muggia, da oltre cinquant’anni viene organizzato il Concorso Letterario “Leone di Muggia” e, in collaborazione con il Conservatorio “Giuseppe Tartini”, viene organizzato annualmente il Premio Pianistico Internazionale “Stefano Marizza”. Delbello ha ricordato che da quasi mezzo secolo, per mandato del Ministero degli Affari Esteri Italiano e della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, l’Università Popolare di Trieste promuove attività per la conservazione dell’uso della lingua italiana e la conoscenza della cultura italiana in Istria, Fiume e Dalmazia, in collaborazione con l’Unione Italiana. Rinnovata infine la presenza all’interno della manifestazione di una postazione di Clubradio UPT, la web radio ufficiale dell’Università Popolare che assicurerà collegamenti in diretta dallo stand di Piazza Ponterosso.
Significativa infine “Triple identity”, la mostra d’arte e letteratura che propone una riflessione sul rapporto tra nazionalità e territorio geografico in Istria che verrà presentata da Maurizio Tremul, Presidente della Giunta Esecutiva dell’Unione Italiana (Croazia/Slovenia). E che sarà inaugurata giovedì 5 settembre, alle ore 16.30, in Via Roma, angolo via Bellini, alla presenza delle Autorità.
La manifestazione, che si svolge in collaborazione con il CAT (Centro Assistenza Tecnica della Confesercenti), è coorganizzata da Confesercenti, dal Consorzio Sviluppo Garanzie della Confesercenti, da AssoTabaccai e AssoService, nonchè dalla ditta Flash srl e dall’Accademia di estetica 2 P.

P r o g r a m m a

Giovedì 5 settembre

16.30 Inaugurazione con taglio del nastro da parte delle Autorità in Via Cassa di Risparmio

17.30 “Triple identity” Maurizio Tremul, Presidente della Giunta Esecutiva dell’Unione Italiana (Croazia e Slovenia), presenta la mostra d’arte e letteratura che propone una riflessione sul rapporto tra nazionalità e territorio geografico in Istria – Palco secondario di Via Cassa di Risparmio

18.30 “150 la gallina canta” Recitazione di Achille Campanile presentato da Accademia Musical Theatre Trieste – Palco secondario di Via Cassa di Risparmio

18.00 SottolastessaDANZA con la partecipazione di Eos arte in movimento, Accademia Danze Trieste, Scuola di formazione musicale Artemusica – Palco principale di Piazza Ponterosso

19.30 Esibizione dei gruppi folkloristici dell’Associazione culturale serba “Pontes-Mostovi”

21.00 Spettacolo di Flavio Furian Cabaret e imitazioni – Palco principale di Piazza Ponterosso

Venerdì 6 settembre

17.30 “Politiche del lavoro in FVG, quali prospettive?” Tavola rotonda con la parrtecipazione della parti sociali moderata dal Responsabile delle Politiche del Lavoro della Confesercenti FVG Gian Piero Gogliettino – Palco secondario di Via Cassa di Risparmio

18.00 SottolastessaDANZA con la partecipazione di About dance, La noce, Asd Annalisa Danze – Palco principale di Piazza Ponterosso

21.00 Concerto dei Démodé pocket size orchestra – Palco principale di Piazza Ponterosso

Sabato 7 settembre

17.30 “La sfida di John Mpalizza. Il futuro dell’Africa”. Incontro con l’ingegnere informatico congolese che vive da 17 anni in Italia per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla situazione della Repubblica Democratica del Congo – Palco secondario di Via Cassa di Risparmio

18.00 SottolastessaDANZA con la partecipazione di Salice verde, Viento Flamenco,
Accademia Musical Theatre Trieste – Palco principale di Piazza Ponterosso

20.30 Concerto Donald trumpet (musica balcanica) – Palco principale di Piazza Ponterosso

21.30 Concerto Alef band + DAVIDE CASALI (musica klezmer) – Palco principale di Piazza Ponterosso

Domenica 8 settembre

18.00 SottolastessaDANZA con la partecipazione di Scuola di ballo Arianna,
Officine Artistiche, Studio Dance – Palco principale di Piazza Ponterosso

21.00 Concerto Mocambo Swing (jazz moderno e gypsy) – Palco principale di Piazza Ponterosso

Ogni giorno

17.00 Associazione AnDanDes attività per bambini sotto una jurta (tenda mongola) – Palco secondario di Via Cassa di Risparmio

18.00 Cortomobile il cinema più piccolo del mondo – Ponte Joyce

19.30 IrReale-Narrativakm0 lettura racconti brevi – Palco secondario di Via Cassa di Risparmio

Giovedì 5 settembre ore 19.30 : I Balcani raccontati dallo scrittore triestino Alberto Custerlina
Venerdì 6 settembre ore 19.30: le donne e la scrittura – una serata al femminile con le autrici dell’associazione culturale irReale-narrativakm0
Sabato 7 settembre ore 19.30 : incontro “Donne e culture” letture e commenti in lingue diverse.
Domenica 8 settembre ore 18.30 ritorna il public reading de: Un racconto lungo un’idea – con i racconti di Antonello Dinapoli, Sabrina Gregori, Andrea Ribezzi, Nicola Skert; Marco Giovanetti, Silvia Monego, Antonio Sia e Graziella Semacchi. Musica “swing ‘n Roll con le Bizzarrie.
Jambè: Giacomo Liguori
Domenica 8 settembre ore 19.30 “IL PELLICANO” breve pièce di teatro a leggìo tratta da un racconto di Wu Ming. Adattamento di Giuseppe Vergara. Lettura ed interpretazione a cura degli attori di Teatro Incontro.

BIOGRAFIE BREVI

Triple identity
Triple Identity è una mostra che propone una riflessione sul rapporto tra nazionalità e territorio geografico in Istria.
Questa manifestazione in corso a Pola, programmata a Trieste in autunno, racconta, attraverso le opere iconografiche di Lara Favaretto, David Maljkovic e Tobias Putrih e gli scritti di Claudio Magris, Ciril Zlobec e Predrag Matvejevic, il patrimonio sociale e culturale del popolo istriano mutuato dalla presenza delle tre identità:
italiana, croata e slovena insieme.

Flavio Furian
Professionista dal 1998, Flavio Furian ha partecipato a diversi programmi TV, ricevendo numerosi riconoscimenti per le sue imitazioni. Conduce trasmissioni e TV su Telequattro, Capodistria ed altre emittenti locali. Collabora con il Pupkin Kabarett e ha tenuto corsi e laboratori per la compagnia “La Contrada”. É impegnato con la sua tournée in Italia, Slovenia e Croazia.

Démodé
Il sestetto spazia dal crossover al jazz, dal contemporary al balkan, dal folk al liscio di avanguardia. A maggio 2011 partecipano e vincono Musica nelle Aie, il più grande folk festival d’Italia, dove una giuria di critica specializzata li premia per “l’originalità, l’ottima padronanza tecnica e per la bravura nel mescolare jazz, influenze balcaniche e folk progressive”.

Donald Trumpet
La banda itinerante, di classico stampo balcanico, è formata da 10 elementi (fiati e percussioni) provenienti daTrieste e dal Carso Sloveno. Propongono brani della tradizione dei paesi balcanici nonché alcune hit della musica pop adattate per tale stile.

John Mpaliza
Un ingegnere informatico, originario della Rep. Democratica del Congo, che vive in Italia da ben 17 anni ha iniziato una marcia, tanto voluta quanto sofferta, durata due mesi iniziata a Reggio Emilia, il 29 Luglio 2012. Un cammino fitto
di tappe, impegni e incontri con enti, ONG, istituzioni e sostenitori dell’iniziativa, il cui l’obiettivo, come spiega John Mpaliza e’ quello di “rompere il muro di silenzio che è stato creato, sapientemente, intorno alla RD Congo”.

Alef Band + DAVIDE CASALI
L’Alef Band è un ensemble di musica Klezmer, nato nel 2011, capitanato da Samuele Orlando. Una serata all’insegna della cultura ebraica: verranno narrati racconti, cantati brani in Yiddish e suonate melodie della tradizione. Per l’occasione si aggiungerà alla band Davide Casali, virtuoso clarinettista di fama nazionale (Moni Ovadia, Original Klezmer Ens.)

Mocambo Swing
I Mocambo Swing sono cinque jazzisti di confine con la passione per la contaminazione musicale. Legati alla musica italiana d’autore hanno dato vita ad una musica energica e sanguigna mescolando il linguaggio delle mitiche orchestre Dixieland americane e del moderno jazz improvvisato con il ricco mondo della musica popolare gypsy. I loro spettacoli si contraddistinguono per l’energia e la grande capacità lirica tutta italiana, con omaggi musicali a Django Reinhardt, Duke Ellington, Thelonious Monk, Gershwin, Gillespie, alle mousette francesi e ai più famosi temi klezmer.

AnDanDes
Sotto una jurta (tenda mongola) realizzata come l’originale con legno, canne di bambu’ e corda, avranno luogo laboratori per bambini, che hanno come obiettivo l’abbellimento con materiali naturali della tenda stessa. Al suo interno si svolgeranno attivita’ motorie e artistiche.

IrReale-Narrativakm0
L’associazione culturale irReale-Narrativakm0 nasce circa un anno fa a Trieste. In questo contesto, nel corso delle quattro serate, verranno presentati scrittori emergenti ed esordienti del FVG, che dopo un paio di pubblicazioni e presentazioni non sono ancora riusciti ad avere la giusta visibilità, pur essi dimostrando talento e potenzialità notevoli.

Cortomobile
La “Cortomobile, il cinema più piccolo del mondo” o “Cinema dei piccoli”, è una vera e propria sala cinematografica, con proiettore e impianto audio, allestita all’interno di una berlina d’epoca, una Alfa Romeo 2000 del 1974. Nella
Cortomobile si possono guardare una scelta di cortometraggi, rigorosamente autoprodotti, per grandi e piccini.

Associazione culturale serba “Pontes-Mostovi
L’Associazione culturale serba “Pontes-Mostovi è stata costituita nel 2008 da una decina di serbi immigrati a Trieste negli anni ’90 ed è finalizzata alla salvaguardia, lo sviluppo e la promozione della cultura e della tradizione culturale della comunità etnica Serba in Italia, con particolare riferimento alla tradizione popolare.
L’associazione svolge in particolare le attività di danza e canto. La Sezione del Folklore è l’attività più seguita e conta più di 100 partecipanti, organizzati in quattro ensemble e un gruppo canoro femminile.

SOTTOLASTESSADANZA

Eos arte in movimento è un’associazione culturale e sportivo dilettantistica che si occupa della divulgazione delle arti in genere e della danza in tutte le sue forme in particolare (danza classica, danze mediorientali, flamenco e danza del ventre). E’ stata fondata da Alessandro Viviani (danza classica) e Maria Bruna Rotunno (danze mediorientali).

L’Accademia Danze Trieste è un’associazione sportiva dilettantistica affiliata dal 1997 alla Federazione Italiana Danza Sportiva. Principalmente si occupa di danza sportiva a livello amatoriale e agonistico e si attiva per la sua diffusione tramite l’organizzazione di competizioni e manifestazioni con l’obiettivo di preparare atleti alla danza sportiva e portare coppie di tutte le classi e categorie a partecipare di Trofei, Campionati Regionali e Campionati Italiani.

La Scuola Artemusica, con le attività formative proposte, nasce dall’amore per la musica che accomuna i docenti e dal desiderio di permettere a bambini, giovani e adulti di fare esperienza della bellezza dei doni offerti da questa arte. La musica chiede dedizione e disponibilità a mettersi in gioco, parla alla profondità del nostro Sé e attende di essere presa per mano per esserci compagna in un cammino di studio in cui incontrare una meravigliosa forma di Bellezza.

L’Associazione di Promozione Sociale About Dance Trieste, nasce nel 2011 dalla passione dei suoi fondatori per la danza e lo spettacolo con lo scopo di promuovere queste forme d’arte tra i giovani e non solo. Spaziando dalla danza classica alla danza moderna, modern jazz, contemporaneo fino all’hip-hop, sviluppa un percorso didattico formativo per dare la possibilità agli allievi di esprimere con entusiasmo, passione e divertimento le proprie emozioni dalla sala al palcoscenico.

L’associazione sportiva dilettantistica La Noce nasce nel 2003 ad opera dell’attuale presidente Erica Bolcic, insegnante diplomata di ginnastica, al fine di promuovere attività per il benessere psicofisico. Le attività sono molteplici e comprendono pilates, ginnastica posturale, total body, allenamento funzionale, danza del ventre, tribal bellydance, personal training e zumba. L’ambiente, familiare e dinamico, permette agli associati di fare movimento e curare la forma fisica con gioia e divertimento.

L’associazione sportiva dilettantistica Annalisa Danze nasce nel 2007, dalla volontà dei soci fondatori, da sempre appassionati di danza e inseriti a vario titolo nella Federazione Italiana Danza Sportiva. Lo scopo principale è quello di divulgare l’amore per il ballo a tutte le persone di qualsiasi età e di condividere con gli altri la gioia e l’allegria che la danza trasmette, facendo al contempo del sano movimento in compagnia.

L’Associazione Sportivo-Culturale Dilettantistica Salice Verde nasce circa 10 anni da un progetto della Direttrice Artistica Larisa Suchkova che voleva far conoscere ad allieve e famiglie le danze dei vari popoli con le loro tradizioni, musiche e costumi. Per ogni gruppo vengono preparate ogni anno coreografie con danze e musiche tipiche, curando la realizzazione dei relativi costumi. E’ tradizione della scuola creare annualmente una coreografia alla quale partecipano anche alcuni genitori.

L’Associazione Viento Flamenco, che opera da una quindicina di anni a Trieste e in tutto il Friuli Venezia Giulia ha come obiettivo primario la divulgazione della cultura flamenca in tutte le sue forme: canto, ballo e musica. L’Associazione non ha finalità di lucro, ma solo di interesse associativo che la portano a promuovere proposte ricreative e culturali sul territorio.

L’Accademia di Musical Theatre di Trieste è nata nel 2006 per operare nel campo culturale, concentrando le proprie attività, attraverso l’opera di professionisti e con l’accompagnamento della musica eseguita rigorosamente dal vivo, sulla preparazione e lo studio del musical theatre. Propone in via prioritaria corsi che sviluppino la formazione artistica di un performer poliedrico nelle tre discipline fondanti: canto, recitazione e danza.

Già dal 1980 Arianna inizia lo studio della danza jazz e contemporanea e a praticare le danze latino americane e standard conseguendo la prima abilitazione all’insegnamento nel 1983. Nello stesso anno fonda la Scuola di Ballo Arianna. Nel 1988 nasce la grande passione per il tango argentino. Inizia ad approfondire tutti gli stili invitando nella scuola i migliori ballerini argentini e recandosi spesso a Buenos Aires e Madrid per apprendere non solo la tecnica, ma anche la storia, le tradizioni e le nuove tendenze del tango come fenomeno sociale e culturale.

Le Officine Artistiche nascono come associazione culturale e sportiva dilettantistica nel 2004. L’obiettivo primario è quello di offrire una serie di corsi, laboratori e stage legati alla danza africana tradizionale e alla danza afro-contemporanea. Oltre ai laboratori e ai corsi annuali, vengono organizzati stage e incontri con professionisti a livello internazionale per permettere ai soci un ulteriore approfondimento delle discipline.

Studio Dance nasce quasi per gioco. Un gruppo di ballerine che fin da piccole ha sempre ballato e si è esibito in vari teatri (a Trieste, ma anche a Milano, Roma e altre città) prepara amici e conoscenti per il piacere di presentare poi al pubblico il proprio lavoro. Sono i primissimi anni (1979-1980) in cui la danza diventa uno strumento di divertimento e di formazione a livello amatoriale. Da qui l’idea di costituire dei gruppi sia di danza che di ballo.

Comts-RF/

Sottolostessocielo 2013, presentato il programma
0.00(0 votes)

Post by admin

Related post

Comment(0)