_DSC2114

Il Friuli Venezia Giulia vede nella Croazia un partner di grande rilievo. Una tesi che trova conferma nei numerosi appuntamenti avuti del presidente della Regione autonoma Friuli Venezia Giulia, Debora Serrachiani, con i vertici dello Stato croato e delle istituzioni economiche del Paese in occasione del suo soggiorno a Zagabria il 2 e il 3 giugno scorsi.

La visita in Croazia della governatrice è iniziata con la sua partecipazione al concerto “La più bella musica da film ‘Made in Italy’” organizzato nella Sala concerti Vatroslav Lisinski dall’Ambasciata d’Italia in Croazia e dall’Istituto italiano di cultura di Zagabria, e al termine del quale la Regione autonoma FVG ha offerto agli ospiti dell’ambasciatore, Emanuela D’Alessandro, un rinfresco a base di prodotti tipici del suo territorio.

Sostegno alla CNI

“Questa è una visita istituzionale molto importante. La Regione FVG ha deciso quest’anno di festeggiare la Festa della Repubblica nelle maggiori Ambasciate dei Paesi con i quali abbiamo relazioni e rapporti ormai consolidati e che intendiamo rafforzare. Io sono venuta a Zagabria, altri membri della Giunta sono a Lubiana e in altre capitali europee”, ci ha dichiarato Debora Serracchiani alla vigilia del concerto del 2 giugno. “Il segnale che vogliamo dare – ha proseguito – è appunto quello di grande attenzione ai rapporti che la Regione FVG può avere con la Croazia e un’interlocuzione importante anche per il governo italiano. Ovviamente, siamo molto interessati ad alcuni aspetti, in particolare a quelli dell’innovazione e della ricerca, per cui contiamo di poter ragionare con un approfondimento assieme ai membri del governo croato sul tema dell’innovazione e della ricerca, anche guardando alle dinamiche europee e ai fondi europei”.
“Un rapporto importante che intendiamo consolidare con questa nostra visita e devo dire che la Comunità nazionale italiana è estremamente importante in queste nostre buone relazioni. C’è un rapporto che ci lega da tempo. La prima legge regionale di tutela e in qualche modo anche di attenzione verso la CNI risale al 1978; è sempre stata rifinanziata attraverso l’Università Popolare di Trieste. Questo ci permette di avere legami molto forti con la nostra comunità e di poter utilizzare queste nostre buone relazioni anche sul livello istituzionale”, ha concluso la Serrachiani, che al termine del concerto ha avuto modo di incontrare il ministro croato della Scienza, dell’Istruzione e dello Sport, Vedran Mornar.

Il ruolo ponte dell’FVG

In una nota si ricorda che la Regione FVG ha svolto una funzione di “ponte” in occasione dell’approvazione della legge di ratifica ed esecuzione dell’Accordo tra il governo della Repubblica Italiana e il governo della Repubblica di Croazia in materia di cooperazione, che non a caso reca la prima firma del triestino Ettore Rosato. Per quanto concerne i rapporti economici, nella nota si ricorda che i medesimi sono antichi e sempre molto vivi, mentre sul fronte dei rapporti tra l’FVG e le Contee croate, si fa riferimento al Protocollo di cooperazione con la Regione Istriana basato sul consolidamento delle relazioni bilaterali tra le due entità regionali coinvolte nei settori quali quelli delle attività produttive, delle infrastrutture di trasporto e di comunicazione e in molti altri campi e che presto dovrà essere rinnovato.

Incontri istituzionali

Nel corso del secondo giorno della sua visita in Croazia Debora Serracchiani e i membri della delegazione al suo seguito, fra i quali figurava pure il presidente della Comunità croata di Trieste, Gian Carlo Damir Murković (intervenuto quale membro della rappresentanza della società Finest), sono stati ricevuti, oltre che al Sabor, anche al ministero degli Affari esteri ed Europei, al ministero dello Sviluppo regionale e dei Fondi europei e alla Camara croata d’Economia (HGK), dove è stato firmato un importante accordo di cooperazione tra quest’ultima e la Finest, la Società finanziaria per l’internazionalizzazione delle imprese del Nord-Est, nata nel 1991 con legge dello Stato (19/1991) al fine di agevolare lo sviluppo delle attività economiche e della cooperazione internazionale nel territorio.
La Finest è una società per azioni partecipata da Friulia, la società finanziaria della Regione FVG, dalla Regione Veneto, dalla Provincia Autonoma di Trento, dalla Simest e da alcune banche del territorio: è referente del ministero per lo Sviluppo Economico.

kb

da “La Voce del Popolo” di Fiume

Serracchiani: legami molto forti con la CNI
0.00(0 votes)
Comment(0)