unitsDal 20 al 22 febbraio 2014, nel capoluogo giuliano, si svolgeranno il XLVIII Seminario linguistico-culturale e il XLIII Seminario scientifico matematico, che vedono riuniti i docenti delle Istituzioni Prescolari, delle Scuole Elementari e delle Medie Superiori della Comunità Nazionale Italiana.

I due Seminari sono organizzati dall’Università Popolare e dall’Unione Italiana, presso l’Università degli Studi di Trieste, che collabora attivamente al progetto.

Giovedì 20 febbraio, alle ore 17.30, presso la Sala Meeting dell’Hotel NH di Trieste, si terrà la cerimonia di inaugurazione e i saluti delle Autorità presenti. Seguirà la prolusione ufficiale di apertura, con Lectio Magistralis dal titolo “Le grandi sfide della salute e la ricerca di frontiera: la battaglia contro il cancro”, del prof. Giannino Del Sal, Direttore del Dipartimento di Scienze della Vita, dell’Università degli Studi di Trieste.

Alla sera, i partecipanti si recheranno al Politeama Rossetti, per assistere allo spettacolo “L’importanza di chiamarsi Ernesto” di Oscar Wilde, traduzione di Masolino D’Amico, per la regia di Geppy Gleijeses.

Venerdì 21 febbraio, al Dipartimento Umanistico dell’Università degli Studi di Trieste (Androna Baciocchi, Aula B), i docenti della Sezione linguistico-culturale seguiranno le lezioni “John Stuart Mill, saggio sulla libertà” del prof. Elvio Baccarini dell’Università degli Studi di Fiume, “Il valzer viennese” a cura del dott. Roberto Magris e “Il coraggio di pensare: una politica per la  filosofia” del prof. Pier Aldo Rovatti. Nel pomeriggio, “Libertà digitali nel cinema” del prof. Daniele Terzoli (Presidente de “La Cappella Underground”), “Libertà e psiche” del prof. Walter Gerbino e “Sport e libertà” del dott. Giuliano Sadar (giornalista RAI).

Gli insegnanti dell’altra Sezione, nell’Aula C dello stesso Dipartimento, assisteranno a lezioni su “I principi della geometria: andata e ritorno dal concreto all’astratto?” della prof.ssa Luciana Zuccheri, “Dalle idee di Mach sulla scienza alla didattica della matematica” della prof.ssa Verena Zudini e “Matematica di ieri, di oggi e di domani” della prof.ssa Gabriella Caristi.

Nel pomeriggio, “La Balbuzie evolutiva” del prof. Pier Paolo Busan, “Malattie, microbi e farmaci: le alterne fortune della nostra lotta contro le malattie infettive” del prof. Renato Gennaro e “L’autorità ed il metodo nella scienza: la storia delle neuroscienze” a cura del prof. Piero Paolo Battaglini.

Sabato 22 febbraio, nell’Aula Magna, i docenti delle due Sezioni, assisteranno al Convegno di Lingua e Letteratura Italiana “Altre lettere e spazi liberi”, organizzato dall’Università degli Studi di Trieste, in collaborazione con l’Università degli Studi di Fiume – Facoltà di Filosofia –
Dipartimento di Italianistica, e l’Università “J. Dobrila” di Pola – Dipartimento di Studi in Lingua Italiana. Introdurrà la Presidente del Convegno, prof.ssa Maria Cristina Benussi. Seguirà “L’universo di libertà in Madieri e Zambiano della prof.ssa Corinna Gerbaz Giuliano dell’Ateneo fiumano, “Le tesi libertarie nella letteratura comparata, confronto tra due scrittori J.M. Coetzee e Pasolini” della prof.ssa Sergia Adamo dell’Università triestina e “Tra toscano, veneto e ladino: scritture in volgare a Trieste nel Quattrocento” a cura del prof. Franco Finco dell’Università degli Studi di Udine. Per continuare con “I rischi delle libertà della scienza nella narrativa di Giuseppe O. Longo” della prof.ssa Tiziana Piras dell’Università di Trieste e “Geografia e letteratura: oltre i vincoli dei confini” della prof.ssa Maja Đurđulov dell’Università di Fiume.

Nel pomeriggio, “Educazione musicale come costruzione del sé” del prof. Marco Maria Tosolini del Conservatorio di Musica “Giuseppe Tartini” di Trieste e “Il viaggio letterario del Fanciullo musico” della prof.ssa Gianna Mazzieri Sanković dell’Università degli Studi di Fiume. A concludere, tavola rotonda.

Seminari UI-UPT, per i docenti della Comunità Nazionale Italiana
0.00(0 votes)

Post by admin

Related post

Comment(0)