DSC03980

Dopo il grande successo riscosso dal concerto svoltosi a Cittanova, il Saggio incrociato del Centro studi musica classica “Luigi Dallapiccola”, dell’Unione Italiana, che con le sue quattro Sezioni di Verteneglio, Pola, Fiume e Capodistria sta dimostrato una crescita notevole, sarà presentato al pubblico a Verteneglio (lunedì 1.mo giugno), a Fiume (il 3 giugno), a Pola (il 5 giugno) e a Capodistria (il 6 giugno). Già al primo concerto, comunque, la sala della Comunità degli Italiani di Cittanova era affollatissima. È stato un pomeriggio all’insegna della giovinezza, della musicalità e del virtuosismo, soprattutto per i “grandi”, gli allievi che da anni studiano musica con serietà, abnegazione e amore, ma anche per coloro che hanno appena intrapreso lo studio. A rompere il ghiaccio è stata la nuova sezione di Capodistria, che con le mentori Paola Radin e Lucia Malner Scrobogna, ha preparato le simpaticissime sorelline Alice e Serena Tremul, le quali, con sicuro cipiglio, hanno suonato il loro colorato flauto dolce. Dalla Sezione di Pola si sono esibiti gli allievi più esperti: i pianisti Elis Mikac, Lucia Lyon, Lucia Burić, Giulia Timea Fioranti e Marin Premate, reduce dal Concorso “Istria Nobilissima”. Gli stessi allievi, che studiano anche violino e flauto si sono distinti pure accompagnandosi tra loro. Accattivanti e avvincenti il Trio Elis e Marin al violino e Giulia al pianoforte, una rivelazione la flautista Marta Ninković, il Duo violino-pianoforte Lucia Lyon ed Elis Mikac. Belle le esibizioni del Duo violinistico di Elis e Marin e del Duo chitarristico di Leonardo Piccinelli e del suo Maestro Ivan Štekar. La numerosa Sezione di Fiume, con le classi di pianoforte e flauto guidate dalle proff. Lucia Malner Scrobogna, Ingrid Piškulić, Alka Kavre (ex allieva del Centro Studi) e Paola Radin, hanno offerto uno spaccato del loro lavoro dopo il ricambio generazionale dello scorso anno. In evidenza per musicalità, sebbene giovanissimi, sono risaltati il Complesso di flauti formato dall’intera classe della prof. Radin: Gloria Cihal, Paola Malner, Tia Elena Fučak, Nikka Kertelj e Mihael Žunić Šušnjić. A concludere il pomeriggio musicale sono stati i giovani della Sezione “Mauro Masoni”, di Verteneglio, con le classi di pianoforte dei proff. Annamaria Škara e Marko Ritoša e della classe di chitarra del prof. Renato Schiavon nonché i giovani flautisti della prof. A.Škara, il Duetto di flauti dolci dei fratelli Dorian e Barbara Brečević e l’assolo di Arlen Fakin.
A fare gli onori di casa per la CI di Cittanova è stata la vicepresidente del sodalizio, Doriana Lubiana. “Un libro si potrebbe scrivere…” sono state le parole del direttore didattico, prof. Fulvio Colombin, inerenti ai risultati conseguiti in 30 anni di lavoro del Centro Studi, che ha visto nelle sue file oltre 1.000 ragazzi che hanno studiato musica. “Allievi che sono diventati artisti anche di livello internazionale…”, le parole del presidente della Giunta esecutiva dell’UI, Maurizio Tremul, che oltre a mettere in evidenza l’importanza dell’impegno professionale dei docenti e del direttore “a vita”, Maestro Colombin, che ha fatto un plauso alla collaborazione tra istituzioni, allievi, docenti e famiglie. A nome della Regione Istriana era presente Tamara Brussich.

da “La Voce del Popolo” di Fiume

Saggi del Dallapiccola a Verteneglio, Fiume, Pola e Capodistria
0.00(0 votes)
Comment(0)