Ci siamo tutti chiusi nel nostro piccolo provincialismo, forse ci conoscevamo di più negli anni ’90, quando c’erano i muri a dividerci. Lo ha affermato Stefano Lusa, Caporedattore dei servizi informativi di Tv e Radio Capodistria parlando del sistema giornalistico italiano, sloveno e croato, durante la conferenza stampa di presentazione del Corso di “Linguaggio giornalistico. Comunicazione e minoranze”, organizzato dall’Università Popolare di Trieste, in collaborazione con l’Ordine dei giornalisti, l’Università di Trieste e il Centro di documentazione multimediale.

Dalle testate estere – ha spiegato Lusa, riferendosi alla notizia falsa pubblicata ieri sui media italiani della costruzione di un muro in Slovenia per impedire l’ingresso dei migranti dalla Croazia – si guarda a Slovenia e Croazia come se fossero mondi diversi, lontani dal resto d’Europa e non si coglie l’opportunità di trovare in noi, giornalisti italiani residenti sul territorio, dei collaboratori validi, capaci di verificare sul campo le notizie.

L’attendibilità della fonte è stata richiamata anche da Massimiliano Rovati, Consigliere dell’Università Popolare di Trieste, sottolineando che “al giorno d’oggi siamo letteralmente bombardati da informazioni, partendo dalla radio e dalla TV, per arrivare al web, vero e proprio catalizzatore e nuova piattaforma che racchiude in sé, come una sorta di matrioska, l’intero sistema”.

Da sinistra: Ilaria Rocchi, Pierluigi Sabatti, Massimiliano Rovati e Stefano Lusa

Da sinistra: Ilaria Rocchi, Pierluigi Sabatti, Massimiliano Rovati e Stefano Lusa

L’interesse dimostrato dai partecipanti alla prima edizione del corso, ha spintio l’Università Popolare di Trieste a riproporre questo percorso formativo, con grande attenzione verso il mondo del giornalismo “di confine”. Rispetto alla precedente edizione – evidenzia il direttore del corso, il giornalista Pierluigi Sabatti, presente anche Ilaria Rocchi, Caporedattrice di “Panorama” (rivista dell’Edit che, dal 1952, risponde agli interessi della minoranza italiana, curando in particolare l’approfondimento nei campi della politica, società, arte e cultura) – cureremo maggiormente la pratica, con simulazioni sull’incipit e redazione di articoli completi: i migliori saranno pubblicati sulla Voce del popolo di Fiume. Rimane comunque il carattere qualificante di questa iniziativa, ossia l’opportunità di conoscere l’informazione “di frontiera” con lo stage a Fiume e Capodistria e con l’intervento di colleghi impegnati in Slovenia e in Croazia.

Il Corso è strutturato in dodici incontri che si svolgeranno una volta alla settimana, il mercoledì, a partire dal 7 ottobre, oltre agli stage in Slovenia e Croazia. La durata di ogni lezione è di 75 minuti. Il costo complessivo è di 200 Euro (previsto uno sconto per studenti) e le iscrizioni si effettuano presso la sede dell’Università Popolare di Trieste Piazza del Ponterosso 6.

 LaVoce24sett

da Il Piccolo, edizione 24 settembre 2015

da Il Piccolo, edizione 24 settembre 2015

 

 

PRESENTATO IL CORSO DI LINGUAGGIO GIORNALISTICO COMUNICAZIONE E MINORANZE
0.00(0 votes)

Post by editoria

Comment(0)