OLYMPUS DIGITAL CAMERALunedì scorso, si è svolta la manifestazione di chiusura del 68.mo anno scolastico della Scuola di Lingue Straniere dell’Università Popolare di Trieste e del 54.mo anno della Scuola Libera dell’Acquaforte intitolata a “Carlo Sbisà”, nell’Aula Magna della Scuola Elementare “Dardi”. Un incontro per festeggiare con tutti gli allievi, gli insegnanti e la Direzione della Scuola Media “Divisione Julia”, sede dei corsi, il successo di queste iniziative che si sono ritagliate nel tempo una parte rilevante nella storia culturale della città.

Alla manifestazione, sono intervenuti il Dirigente Scolastico prof.ssa Cinzia Scheriani, l’Assessore Regionale alla Cultura, Sport e Solidarietà Gianni Torrenti, l’Assessore Regionale alle Finanze Francesco Peroni, l’Assesssore alla Cultura del Comune di Trieste Franco Miracco, l’Assessore alle Politiche attive del lavoro e Collocamento mirato, Programmazione scolastica e diritto allo studio, Cooperazione Sociale della Provincia di Trieste Adele Pino e il Direttore Generale dell’Università Popolare di Trieste, Alessandro Rossit.

Dopo il saluto delle Autorità, che hanno confermato la validità delle iniziative culturali dell’Ente a Trieste e Provincia, ma anche in Istria, Fiume e Dalmazia, ha preso la parola il Presidente dell’Ente, Fabrizio Somma. “Con soddisfazione e a conferma del buon lavoro svolto, quest’anno si sono iscritti ai corsi di lingue straniere, disegno, storia dell’arte, dizione, fotografia digitale e scrittura creativa, ben 1430 persone. Circa 3.500 ore di lezione svolte, attraverso l’impegno di una trentina di insegnanti. Abbiamo notato, con piacere, la partecipazione di allievi provenienti dalla vicina Slovenia”.

Ma l’Università Popolare di Trieste, si è sempre interessata anche alla periferia e alle scuole della provincia dove, con i corsi “storici” per adulti di taglio e cucito, ginnastica per ipovedenti e  tai-chi, ha proseguito il suo impegno. Importanti sono state le iniziative che riguardano i ragazzi. I corsi più richiesti quelli di musica, svolti nella sede scolastica di Opicina, oltre che in varie scuole della città, con un centinaio di  adesioni e l’impiego di una quindicina di insegnanti. Molto sentiti i saggi finali, che si stanno svolgendo in questi giorni e che coinvolgono gli studenti, le loro famiglie e i bravissimi insegnanti.

Una particolare attenzione merita la Scuola Libera dell’Acquaforte, istituita nel 1960 e intitolata al suo fondatore Carlo Sbisà. Il laboratorio di Viale XX Settembre 59, è una delle iniziative più rilevanti e longeve fra quelle proposte dall’Ente. Il Presidente Somma, ha colto l’occasione per ringraziare e salutare gli allievi, assieme all’illustre prof. Franco Vecchiet, il quale con grande capacità professionale e dedizione ha  portato avanti questo progetto, dando nuovi stimoli alla Scuola.

Ha sottolineato l’importanza della collaborazione con gli Enti locali, sensibili alle tematiche legate all’istruzione e alla cultura, che hanno permesso all’Università Popolare di superare, in più di un secolo di vita,  momenti anche molto gravi, e ricordato i maggiori intellettuali di ogni epoca, che si sono adoperati con tanto impegno nell’Istituzione: Felice Venezian, Giuseppe Caprin, Riccardo Pitteri … Nella storia recente, il pensiero è andato a Bruno Maier e Luciano Rossit.

Di seguito, hanno preso la parola i Consiglieri del Direttivo Renzo Grigolon, Massimiliano Rovati e il Vicepresidente dell’Ente Manuele Braico, che hanno chiesto ai rappresentanti delle istituzioni cittadine presenti alla manifestazione, di continuare a rimanere al fianco dell’Università Popolare, per far sì che, come nel passato, le iniziative possano proseguire, permettendo quote di iscrizione contenute, rivolte alle fasce economicamente più deboli.

La cerimonia si è conclusa con l’assegnazione dei tre viaggi premio, con destinazione Londra, Lubiana e Berlino. I vincitori, estratti a sorte tra i migliori allievi dei corsi di inglese, sloveno e tedesco, sono stati rispettivamente Maurizio Martari, Eliana Vidi e Annamaria Ferini. Consegnati inoltre venti buoni libro da € 40,00 ciascuno, messi a disposizione dei soci frequentanti i corsi di lingue e la Scuola Libera dell’Acquaforte.

Lingua e arte, cerimonia di chiusura dei corsi
0.00(0 votes)

Post by admin

Related post

Comment(0)