OLYMPUS DIGITAL CAMERALa Voce del Popolo è approdata in Friuli Venezia Giulia. L’iniziativa è stata presentata alla conferenza stampa di ieri al Caffè degli specchi di Trieste. L’incontro, come è noto, è stato organizzato per promuovere il lancio della testata in oltre 200 edicole della regione. Dal 3 febbraio infatti a Trieste, Muggia, Gorizia e Monfalcone è possibile acquistare quello che comincia ad essere qualcosa in più del “quotidiano della minoranza”. A raccontare l’evoluzione di questo progetto è stata Rosanna Turcinovich Giuricin, che dal 2006 è la responsabile della pagina dedicata all’FVG che esce dal martedì al sabato. Con lei Emanuela Masseria, che dallo stesso periodo sovraintende alla stessa pagina e Rossana Poletti, da tempo attiva con recensioni e articoli relativi agli spettacoli e agli eventi culturali. Assente il direttore Silvio Forza, dimissionario, al quale è stata espressa solidarietà. Rosanna Turcinovich ha sottolineato, in particolare, il significato dell’operazione che porterà a veicolare l’informazione di un quotidiano unico come può esserlo La Voce. La sua diffusione fa in realtà parte di un processo più ampio di ricomposizione, che vuole rinsaldare le collaborazioni già esistenti in un territorio da sempre contiguo e comune, prima che conflittuale e problematico. In particolare nella Venezia Giulia c’è ancora oggi una fascia ampissima di popolazione che ha le sue radici in Istria e che è curiosa di conoscere meglio la realtà attuale di queste terre. In un quadro politico mutato, in un contesto europeo, le radici sono importanti e questo è dimostrabile con le centinaia di contatti che in questi anni sono già stati portati avanti tra il giornale, le associazioni del territorio, le istituzioni e, soprattutto, le decine di associazioni culturali che hanno trovato ampio spazio su queste pagine per divulgare le loro attività ad un bacino d’utenza di nicchia ma molto attivo e motivato. Tutte queste considerazioni sono state salutate con favore dai presenti, a partire dal vicesindaco di Trieste, Fabiana Martini, ma anche da un gran numero di rappresentanti di associazioni e testate locali, tra le quali spiccano L’Upt, il Circolo Istria, la Lega Nazionale. La numero due del Comune di Trieste ha salutato con particolare entusiasmo l’iniziativa, parlando di “una presenza molto importante a Trieste ma soprattutto in FVG, dove c’è un interesse particolare per tutto ciò che avviene oltreconfine. Un modo per rafforzare la conoscenza della realtà di Istria, Fiume e Dalmazia, per incentivare i rapporti umani ed economici. Un altro giornale che scommette sul futuro, in un momento di grande crisi come questo – ha concluso – è un arricchimento”. Anche Livio Dorigo ha fatto cenno a questi temi. Per lui la Voce in FVG è un “atto di democrazia perché l’informazione è democrazia in un momento in cui si aprono i confini. Il retroterra culturale di Trieste, d’altronde, non è il Piemonte, ma l’Istria e servono strumenti di comunicazione che ci facciano conoscere i dettagli della nostra realtà. Questo giornale può essere, nella sua visione “volano di comprensione” e un mezzo per far svolgere a Trieste un ruolo di cerniera. Un commento è giunto poi da Emilio Felluga, presidente di Isola Nostra, ex Presidente nazionale del CONI, che ha messo in luce l’ottima collaborazione tra il Comitato e la Voce in questi anni e che vuole continuare con altre iniziative concrete che saranno rese note a breve. Infine, il direttore generale dell’Upt Alessandro Rossit “a nome dell’Università Popolare (erano presenti anche Silvio Delbello e Fabrizio Somma) ha dichiarato: Posso dire che da sempre siamo vicini alla stampa della minoranza e alla Voce in particolare, collegamento che è sempre stato un importante ponte tra la regione e l’Istria. Ora la presenza diventa fisica”.

La Voce, è stato annunciato, passerà nelle prossime settimane a due pagine il giorno dall’FVG, due sono ora le pagine Esuli del sabato e si sta pensando a dei supplementi di Itinerari FVG per far conoscere la dimensione dei piccoli comuni. Una realtà “in fieri” che intende crescere. (em)

L’informazione CNI varca i confini in pieno spirito europeo
0.00(0 votes)

Post by admin

Related post

Comment(0)