FIUME | Si è conclusa ieri in bellezza alla Comunità degli Italiani la settima edizione dell’“Appuntamento con la fantasia”, il Festival dell’espressione scenica riservato agli allievi degli Istituti prescolari e delle Elementari italiane dell’Istria e di Fiume. Ad esibirsi dinanzi a un folto pubblico composto da bimbi degli istituti prescolari italiani fiumani sono stati gli alunni della SEI “Gelsi”, che hanno proposto lo spettacolino intitolato “Non tutti i lupi nascono per nuocere”, i bambini dell’asilo “Fregola” di Buie, che hanno dato prova della loro bravura con “Amica Primavera”, e i bambini dell’asilo “Girotondo” di Umago, che hanno intrattenuto il pubblico con “La storia di Gocciolina”.
Come rilevato da Norma Zani, titolare del Settore Educazione e Istruzione della Giunta Esecutiva dell’Unione Italiana, il saluto finale dei partecipanti al Festival è stato organizzato per offrire ai bimbi degli asili italiani di Fiume che non hanno preso parte alla manifestazione l’opportunità di divertirsi e di crescere attraverso l’espressione scenica. “Abbiamo scelto di presentare le scenette che più si adattano ai piccini degli asili, tutto nell’ottica della strategia di razionalizzazione delle spese e dell’ottimizzazione delle attività, cercando di usare tutti quegli strumenti che possono fornire un’offerta formativa adeguata alle fasce prescolari”, ha sottolineato la Zani, aggiungendo che il Festival ha dato quest’anno risultati più che soddisfacenti, sia per il livello qualitativo presente nelle scenette proposte, sia per l’approccio innovativo che è stato adottato da diverse scuole e asili, con tematiche molto attuali e quindi riflettenti i problemi della vita sociale (tutela dell’ambiente, l’universo e altro).
“Posso affermare che questa è stata l’edizione migliore, in quanto di anno in anno siamo testimoni di una progressiva crescita qualitativa, che stavolta è stata particolarmente accentuata – ha puntualizzato -. Altissima l’adesione, con oltre 500 bambini in scena in cinque giornate e quasi 700 tra il pubblico, sempre delle nostre scuole e asili, tra cui, per la prima volta, l’asilo di Abbazia, la cui sede è stata inaugurata l’anno scorso. Oltre cento gli insegnanti coinvolti, che dopo cinque giorni molto impegnativi si sono detti oltremodo soddisfatti dell’esito della manifestazione”, ha spiegato Norma Zani, la quale ha infine ricordato che, terminato il Festival, il lavoro prosegue con l’analisi volta all’ulteriore miglioramento dell’attività, il che contribuirà a un salto di qualità per l’anno prossimo.
La manifestazione è stata organizzata dal Settore Educazione e Istruzione della Giunta Esecutiva dell’Unione Italiana, con il contributo dell’Università Popolare di Trieste. (hlb)

L’espressione scenica, sempre in auge
0.00(0 votes)

Post by admin

Related post

Comment(0)