OLYMPUS DIGITAL CAMERAGiuseppe Cervellini: chi era costui? “Abate Irriverente” tra il Friuli e la Venezia Giulia, con tappa anche a Trieste, “trapoler” impenitente, personaggio da romanzo, contemporaneo di Mozart con cui ebbe in comune il maestro, la vita e la musica di questo personaggio goldoniano, alla Casanova, verranno raccontate oggi con parole e musica alle 17 presso l’Università Popolare di Trieste in piazza Ponterosso in occasione della presentazione del libro con cd “Echi e Tuoni della Serenissima. La musica di Giuseppe Cervellini” di Massimo Favento (Lumen Harmonicum) con introduzione della saggista Marina Petronio.
Musicista, poeta d’occasione e teatrante nel periodo della caduta di Venezia, la figura di Cervellini (1744-1824) e la sua quotidianità verranno descritte, con l’ausilio di ascolti, dal musicologo triestino, autore di monografie, saggi ed edizioni critiche. “Nativo di Noventa di Piave, Cervellini – ricorda Favento – era figlio del musicista Giovanni Battista. Formatosi a Venezia e Cividale, dov’era titolare di una mansioneria presso il Capitolo (quindi abate), è stato allievo di Padre Martini a Bologna, il maestro di Mozart, genio che quasi sicuramente conobbe a Salisburgo andando a cercar lavoro nel 1775-1776.
Girovago per mezza Europa con incarichi importanti (come maestro di Cappella dell’ultimo re di Polonia), le sue frizzanti opere furono pubblicate da Artaria (l’editore di Haydn e Beethoven) e Ricordi. Attivo presso i teatri veneziani, fece tappa a Trieste, la nuova “regina” dell’Adriatico, assieme a tanti colleghi del Teatro Nuovo o Grande (attuale “Verdi”).
Qui fu organista di Sant’Antonio Nuovo e della filiale parrocchiale in Piazza Grande (oggi Unità), la chiesa di San Pietro adiacente al vecchio Teatro San Pietro dal 1808 fino quasi alla morte a Cividale. Ebbe contatti significativi con i membri dell’Accademia Romano-Sonziaca di Gorizia e Trieste, cioè tutti i notabili della regione. Il 21 aprile 1810, in piena occupazione napoleonica di Trieste, diresse un Requiem di Haydn, il musicista più illustre dell’Imperatore d’Austria, in Santa Maria Maggiore.

Gianfranco Terzoli

La storia di Cervellini musicista, "trapoler" e abate impenitente
0.00(0 votes)

Post by admin

Comment(0)