FiorelloIl Dipartimento di Italianistica dell’Università di Fiume, in collaborazione con l’Unione Italiana e l’Università Popolare di Trieste, presenta il libro “Fiorello La Guardia. Un imperatore a New York”, di Paul H. Jeffers (Gaffi Editore, Roma, 420 pagine, prefazione di Enzo Del Vecchio e Renzo Arbore). All’incontro, in programma oggi presso la Facoltà di Filosofia con inizio alle ore 9, nell’aula 501, interverranno l’editore Alberto Gaffi e le professoresse Maja Đurđulov e Maja Lazarević Branišelj.
Fiorello Henry La Guardia nasce a New York l’11 dicembre 1882, figlio di Achille, un italiano di Cerignola (Foggia), capo della banda musicale dell’esercito degli Stati Uniti, e Irene, una triestina ebrea di origine ungherese. Nel 1898 la famiglia si trasferisce nella casa materna di Trieste e tra il 1901 e il 1906 La Guardia lavora presso i consolati statunitensi di Budapest, Trieste e Fiume (dal 1904 al 1906); quindi torna a New York. Sarà sindaco della città per tre mandati consecutivi, dal 1933 al 1945, sollevandola dalla prostrazione in cui era piombata durante la Grande Depressione, debellando la corruzione e trasformando la Grande Mela in una metropoli vivace ed efficiente. Sanguigno, impulsivo, battagliero fino a essere talvolta plateale, questo italo-americano risolleverà e ribalterà l’immagine non certo positiva degli italiani negli Stati Uniti ed entrerà nel cuore e nella memoria dei newyorchesi.

Italianistica a Fiume, un libro su Fiorello La Guardia
0.00(0 votes)

Post by admin

Related post

Comment(0)