15012015-130935-115UPT-148

Fabrizio Somma è reduce dalla cerimonia per i 115 anni di attività dell’Università Popolare di Trieste, ospitata in Consiglio comunale. Un’occasione, quella della ricorrenza, per unire idealmente quanto fatto nel passato e ciò che si intende fare da qui in avanti, in particolare sempre nel campo della formazione e della divulgazione culturale nelle comunità italiane in Slovenia, Croazia e Montenegro. Somma, 18.o presidente dell’ente, guarda al futuro – affiancato dal ministro plenipotenziario Francesco Saverio De Luigi – con una prospettiva comunque rinnovata.

Somma, quale strada sta prendendo l’Università Popolare di Trieste?

I festeggiamenti per i 115 anni hanno aperto una seria riflessione su quello che è stato fatto e ciò che ci si prefigge di raggiungere soprattutto con l’attività culturale per conto del Ministero degli Affari esteri a favore della comunità italiana in Slovenia, Croazia e Montenegro.

Gli obiettivi che allora vi ponete?

Partiamo da un background che merita una messa a punto. Ma proprio sulla base dell’attività svolta sin qui, punteremo a interventi di alto livello e grande ambizione per l’autonomia della comunità nazionale italiana anche impiegando fonti di sostentamento economico di respiro europeo. L’indirizzo all’attività è condiviso con Ministero e Regione Fvg.

I numeri, oggi, sono già importanti.

Abbiamo 50 sedi di comunità italiane in territorio comunitario fra Slovenia e Croazia, più una in Montenegro. Poi, 27 scuole su tutta la verticale scolastica: dagli asili alle superiori. E sono attivi tre corsi di laurea in lingua italiana in convenzione con l’Università di Trieste e quelle di Fiume e di Pola. Sono risultati da cui ripartiamo con un nuovo indirizzo. Ad esempio con il Master in progettazione del turismo sostenibile.

Un percorso maggiormente improntato al versante socio-economico oltre che di formazione culturale?

Vogliamo promuovere e realizzare progetti nelle comunità italiane e a favore di queste. Creiamo “quadri” e professionisti di altissimo livello grazie all’Università Popolare, alle sue borse di studio, per conto del governo italiano. In modo da determinare un minimo di ritorno di quanto è stato fatto, permettendo alle stesse realtà che si trovano in Croazia, Slovenia e Montenegro di poter avere la loro autonomia economica e di generare ricchezza per i Paesi in cui vivono.

Quali progetti partiranno quest’anno?

La programmazione scatterà con delle novità da febbraio-marzo. Dopo la convenzione-quadro stipulata con l’Università Popolare di Trento, che rientra nell’area di riferimento per organizzare progetti in Slovenia e Croazia, partiremo con un progetto Erasmus Plus sulla movimentazione culturale della comunità italiana. Il tutto rivolto da un lato agli under 30 e dall’altro con il turismo culturale all’intera comunità. Altro dato importante: stiamo per dare il via al secondo corso sul giornalismo di confine.

Ulteriore aspetto di rilievo: il vostro ruolo nel rapporto fra esuli e “rimasti”?

Un ruolo di trait d’union. Con grande attenzione da parte del Ministero degli Affari esteri ci siamo ritrovati in una situazione di comunicazione fra queste due realtà nell’ambito di congiunte iniziative: lo spettacolo “Magazzino 18” ha dato il “la” con il risultato maturo che auspicavamo. Poi abbiamo aderito alla proposta del Teatro Rossetti di portare lo spettacolo in Istria, anche nelle scuole e all’università. Un giusto momento di condivisione della memoria. E inoltre siamo stati incaricati di organizzare alla Camera dei deputati il 13 giugno del 2014 l’incontro in ricordo della strage di Vergarolla del 1946 e che ha visto per la prima volta assieme le massime autorità degli esuli, l’Unione italiana e la regione istriana. Pure la visita dei giorni scorsi del sottosegretario Della Vedova al Magazzino 18 in Porto vecchio è stata importante: si è trattato del primo esponente del governo italiano venuto a visitarlo.

Matteo Unterweger

da “Il Piccolo” di Trieste

“Italiani d’oltreconfine. Autonomia da favorire con l’alta formazione”
0.00(0 votes)
Comment(0)