UMAGO. La Comunità degli italiani che si fregia del nome di Fulvio Tomizza, il massimo esponente della cosiddetta letteratura di frontiera, festeggia oggi il 65esimo anniversario della fondazione. Non che questo sia il percorso storico dei connazionali del posto che a dire il vero hanno radici profondissime nel territorio, e lo stesso discorso vale in genere per l’intera area istro quarnerina. Il riferimento va alle forme associative degli italiani rimasti sulla loro terra, sorte dopo le lacerazioni e sconvolgimenti del secondo conflitto mondiale. Negli anni dal 1945 al 1947 vennero praticamente fondate quasi tutti i Circoli italiani di cultura diventati Comunità negli anni Settanta. Quello di Umago venne costituito da Narciso Favilla, Aldo Galuzzi e Armando Manin. Al timone della Comunità nell’arco degli anni si sono alternati tra gli altri Romano Cimador, Sergio Bernich, Dario Forza, Roberta Lakoseljac, Giuseppe Rota e Pino Degrassi ora in carica che però è stato presidente anche in passato.

La Comunità dispone di una sede moderna e funzionale in centro città di circa 700 metri quadrati, inaugurata alcuni anni fa dopo una capillare ristrutturazione con i fondi erogati dal governo italiano. Varie le attività: il gruppo corale, la filodrammatica che praticamente si è esibita in tutta l’Istria, Quarnero e Dalmazia, i mini-cantanti, la danza ritmica e moderna nonchè i gruppi sportivi. Ebbene i circa 2.300 soci soffieranno sulle 65 candeline della torta nella cerimonia e nello spettacoo di stasera a partire dalle 18.30. Sul palcoscenico vedremo all’opera tutte le sezioni della Comunità (p.r.)

Grande festa a Umago, per i 65 anni della Comunità Italiana
0.00(0 votes)

Post by admin

Related post

Comment(0)