Atto storico ieri ad Abbazia per la firma del contratto di co-finanziamento dei lavori di costruzione della nuova sede prescolare che avrà ben tre sezioni italiane. E’ stato un momento storico perché dopo parecchi decenni Abbazia avrà finalmente un’istituzione in cui le maestre (educatrici) insegneranno nella lingua di Dante, con i bambini che giocheranno, canteranno, reciteranno in italiano. Restando in ambito quarnerino, va detto che Abbazia si aggiunge a Fiume, dove gli asili italiani operano da tantissimo tempo, e a Lussinpiccolo, il cui giardino d’infanzia italiano è di fresca data. Tornando alla Perla, l’edificio sorgerà a Punta Kolova, nei pressi di Villa Vranjes, su un lotto di terreno di 7280 metri quadrati, donato dal Comune. La scuola materna avrà invece una superficie di 2155 metri quadrati, con un totale di 12 sezioni, ovvero quattro nidi (da 1 a 3 anni) e otto asili (da 3 a 6 anni). Potrà ospitare fino a 199 bambini. Tre le sezioni italiane, come già detto, di cui una nido e due asili. Il progetto comporterà complessivamente spese per 30 milioni di kune, circa 4 milioni di euro. Grosso modo, la Città di Abbazia si assumerà il 74 per cento dell’investimento, mentre il restante 26 spetterà a Unione Italiana e Università Popolare di Trieste, per mezzo del Governo italiano. L’immobile, e parliamo del suo tetto, disporrà di pannelli fotovoltaici. “Questo progetto comune – ha rilevato Radin – contribuisce ad arricchire il multiculturalismo ad Abbazia, città esempio per il suo clima di tolleranza”. (a.m.)

Firmato l’accordo, Abbazia avrà un nuovo asilo italiano
0.00(0 votes)

Post by admin

Related post

Comment(0)