Per la prima volta la Comunità degli Italiani di Levade – Gradigne ha organizzato un concerto di Natale e Capodanno al quale hanno partecipato i minicantanti della CI di Montona, nonchè le attiviste del corso di italiano e di quello d’arte del sodalizio locale. La serata è iniziata con il discorso della presidente della CI, Irina Štokovac, la quale ha ricordato con soddisfazione che i lavori di restauro alla sede sociale si concluderanno il prossimo febbraio e a tale proposito ha colto l’occasione per ringraziare l’Unione Italiana, l’Università Popolare di Trieste e il Comune di Portole, dal 1993 guidato dal sindaco Aleksander Krt. La Štokovac ha poi ringraziato i giovani del sodalizio, che hanno avuto un ruolo fondamentale nella rivitalizzazione della CI.
Lo spettacolo è stato divertente e spassoso, con canti, balli moderni e recite. Un’oretta trascorsa in allegria, per riassumere un anno di prove e fatiche e per salutare degnamente il Natale e l’anno nuovo. Alla fine Barbara Vežnaver, segretaria del sodalizio, ha offerto un omaggio alla maestra dei minicantanti, Anita Rabak. Poi è seguita una serata conviviale con la speranza che effettivamente nel 2013 anche per i connazionali di Levade e Gradigne ci sia la soddisfazione di inaugurare la nuova sede. Ricorderemo che alla firma della Lettera d’intenti fra l’Università Popolare di Trieste, l’Unione Italiana e il Comune di Portole per il restauro della sede, il presidente dell’Unione Italiana, Furio Radin aveva detto “Non esistono Comunità né piccole né grandi, perché questa è una CI grande di cuore, della quale l’Unione va fiera”, per dire che anche i connazionali di Levade e Gradigne si meritano finalmente una sede adeguata dove svolgere la propria attività. (fs)

Concerto di Natale aspettando la sede
0.00(0 votes)

Post by admin

Related post

Comment(0)