OsservatorioVISIGNANO | Un’iniziativa da lodare che certamente si protrarrà nel tempo perché coinvolge alunni e genitori. Un nuovo programma, un esperimento interessante perché vi partecipano le giovani eccellenze in campo schientifico. Lo ha rilevato Maurizio Tremul, presidente della Giunta dell’Unione Italiana, ieri pomeriggio a Visignano in occasione dell’avvio della prima edizione del Campus per le eccellenze scientifiche delle scuole elementari della Comunità Nazionale Italiana davanti al centro per l’educazione scientifica dell’Osservatorio astronomico istriano. Erano presenti pure il presidente dell’Università Popolare di Trieste, Silvio Delbello, e la titolare del Settore Scuola ed Educazione dell’Unione Italiana, Norma Zani, nonché, ovviamente, i ragazzi di sette scuole della CNI che in settimana parteciperanno ad un diverso modo di fare lezione a Visignano. Il primo gruppo di soggiorno organizzato è riservato agli alunni di Buie, Parenzo, Rovigno, Umago, Capodistria, Isola e Pirano, che dimostrano interesse e affinità verso le discipline scientifiche (fisica, chimica, biologia, geografia, matematica), mentre il secondo gruppo di coetanei seguirà il programma il prossimo maggio. Il soggiorno offre la possibilità di avere un incontro diretto con la cultura scientifica attraverso lezioni teoriche e pratiche offerte dal centro scientificico in parola. Il tutto nell’ambito del programma di valorizzazione delle risorse umane. La nuova iniziativa è calibrata sulla Convenzione fra il ministero degli Esteri italiano, l’Unione Italiana e l’Università Popolare di Trieste. Il percorso, che rientra nel piano didattico delle discipline curricolari, sarà naturalmente seguito dagli insegnanti del centro astronomico nella sette giorni visignanese.
Il programma è stato presentato agli alunni, ai genitori e ai docenti di discipline scientifiche che operano nelle istituzioni elementari dell’etnia, da dove gli alunni provengono, dal direttore dell’Osservatorio astronomico, prof. Korado Korlević.
È la prima volta, e questo è un dato importante, – così ancora Tremul – che in un progetto vengono coinvolti anche i genitori che seguono l’inizio e la presentazione finale del lavoro svolto in settimana. Un lavoro che coinvolgerà i ragazzi nell’Osservatorio, ma anche sul territorio a Visignano, Antenal, alla foce del Quieto, a Fianona, alla fabbrica di cemento Holcim, a titolo d’esempio. Gli alunni potranno attingere a nuove nozioni sul sole, nelle discipline geologiche, botaniche, ornitologiche, biologiche, seguiti da professori come Nataša Stuper (biologia/chimica – video/audio), Martina Hervat e Lovorka Kekez (biologia del mare), Claudio Battelli (biologia), Korado Korlević (astronomia), Romeo Tomaz (guiderà l’escursione botanica ad Antenal), e poi ancora Andrea Debeljuh (che si occupa di educazione e scienze sociali) e Miroslav Praskalo (esperto di funghi e micromiceti). Il secondo appuntamento è per domenica prossima quando i ragazzi illustreranno quanto appreso in maniera diversa nell’oasi di pace e studio di Visignano.

Lara Musizza

A Visignano le eccellenze in erba della CNI
0.00(0 votes)

Post by admin

Related post

Comment(0)