Diffondere e promuovere l’attività culturale, teatrale, musicale e, al tempo stesso, confermare il dialogo e la condivisione tra esuli e rimasti attraverso un’iniziativa della Comunità degli Italiani “ Fulvio Tomizza” di Umago.

Questo l’obiettivo principale di una missione a Napoli dell’Università Popolare di Trieste e dell’Unione Italiana – rappresentate dai rispettivi presidenti, Fabrizio Somma e Furio Radin (appena rieletto al parlamento Croato) – insieme a una delegazione della Comunità di Umago, guidata dalla presidente Floriana Bassanese Radin e composta da più di cinquanta attivisti delle proprie sezioni artistico-culturali.

Oltre alle visite agli scavi di Pompei e alla parte storica di Napoli, si è svolto un programma denso di incontri con gli esuli istriani, fiumani e dalmati, e con i rappresentanti delle Università Federico II e Orientale e dell’Accademia di Belle Arti.
Organizzato dalla Comunità Italiana e coordinato logisticamente dall’Università Popolare di Trieste – sottolinea Fabrizio Somma al suo rientro da Napoli – insieme a Diego Lazzarich (docente di Storia delle dottrine politiche per la Seconda Università di Napoli e per l’università degli Studi di Napoli„L’Orientale“, nonché referente della locale Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia) – il programma era volto a incrociare, per la prima volta in Italia, le rispettive tradizioni artistico-culturali.

_AHP9211

Oltre alle diverse visite tra Pompei e Napoli, la Comunità Italiana di Umago si è espressa, al Teatro dell’Immacolata, nel quartiere del Vomero, proponendo uno spettacolo molto vario attraverso il suo coro misto, diretto dal maestro Maurizio Lo Pinto, con un repertorio che spazia dalla canzoni popolari istriane e quelle della musica leggera italiana, dagli inni sacri ai brani lirici. Il gruppo di danza moderna „Blue Dream“ (75 tra ballerine e ballerini) diretto da Jelena Mrak e Martina Coslovich ha danzato e letteralmente incantato la platea con 4 coreografie. La filodrammatica della C.I. di Umago, rappresentata dal duo Serena & Pino, ha portato in scena due spassosissimi sketch del comico triestino Angelo Cecchelin. La “Klapa Lungomare” ha portato fino a Napoli la suggestiva bellezza delle melodie istriane e dalmate.

A conclusione dello spettacolo (regia e coordinamento tecnico musicale di Ariella Petelin – Upt e Antonella Degrassi – Ui), il Presidente dell’Unione Italiana Furio Radin ha sottolineato il ruolo delle comunità degli italiani nel territorio delle repubbliche di Croazia e Slovenia, mentre la Presidente della Comunità di Umago Floriana Bassanese Radin, ha ribadito quanto sia importante per tutta la CNI il contatto con gli esuli e il rapporto sempre più stretto con la madre patria, con la Regione Friuli Venezia Giulia e il Ministero degli Esteri, attraverso l’Università Popolare di Trieste.

Tracciando un bilancio, il Presidente Somma – nel coordinare questa missione che si è conclusa con una sosta ad Orvieto per incontrare Marella Pappalardo dell’Associazione Venezia Giulia e Dalmazia e una delegazioni di esuli orvietani – sottolinea la sua soddisfazione per quella che è una tradizione consolidata della Comunità di Umago, impegnata da anni a trasferire la nostra cultura, attraverso diverse forme di spettacolo: in Croazia, in Montenegro ed ora, per la prima volta, in Italia.

da La Voce del Popolo, edizione 17 novembre 2015

da La Voce del Popolo, edizione 17 novembre 2015

da Il Piccolo, edizione 17 novembre 2015

da Il Piccolo, edizione 17 novembre 2015

laVoce16b

Missione a Napoli
0.00(0 votes)

Post by editoria

Comment(0)