L’EMIGRAZIONE GIULIANO-DALMATA PROTAGONISTA ALLA CAMERA DEI DEPUTATI 

Presentazione del volume “Protagonisti senza protagonismo”

 

Viviamo in un periodo in cui la parola “esodo” è parte integrante della nostra quotidianità e assume una dimensione quasi biblica. Lo ha affermato Fabrizio Somma, presidente dell’Università Popolare di Trieste, alla Camera dei Deputati, nel suo saluto ai presenti in occasione della presentazione del volume “Protagonisti senza Protagonismo” di Viviana Facchinetti, organizzata insieme all’Associazione Giuliani nel Mondo e al Centro di Documentazione Multimediale della Cultura Giuliana Istriana, per ricordare valori e contenuti dell’emigrazione giuliano-dalmata nel mondo.

Un dramma, l’emigrazione – ha sottolineato Somma – che si consuma in ogni terra e in ogni tempo, ma comunque terribile e mai dimenticabile: come quella dei giuliani, istriani, fiumani e dalmati. L’Università Popolare di Trieste – ha ricordato il Presidente – conferma con questo evento il percorso intrapreso già lo scorso anno, che ha portato per la prima volta all’attenzione di una delle massime istituzioni italiane il dramma dell’esodo (con il ricordo della strage di Vergarolla) e prosegue ora con il racconto di chi ha dovuto lasciare le sue terre, nella consapevolezza dell’importanza del dialogo tra esuli e rimasti. Ed è confortante verificare come il tempo, le generazioni, le Istituzioni Italiane, Slovene e Croate, ma soprattutto l’impegno delle persone raccolte nelle varie associazioni e comunità, di esuli e di rimasti, abbiano saputo pervenire, giungendo da strade diverse, a questo fondamentale punto di umana condivisione del ricordo. L’Università Popolare di Trieste – ha concluso il Presidente Somma sottolineano il ruolo del Ministero degli Affari Esteri e della Regione Fvg – rinnova  il suo impegno affinché la storia dell’esodo assuma un ruolo istituzionale anche nei piani di studio delle scuole italiane, nello spirito del “Giorno del Ricordo” e per iniziative proposte nell’ambito delle Leggi di riferimento.
Un tema condiviso dal Presidente dell’Associazione Giuliani nel Mondo, Dario Locchi, che ha definito l’esodo giuliano-dalmata un’emigrazione diversa e al tempo stesso – ha sottolineato – una pagina di storia sconosciuta perché scomoda e troppo a lungo rimossa, e che deve essere insegnata nelle nostre scuole e fatta conoscere alla pubblica opinione. Tutto ciò rappresenta un diritto per i nostri emigrati e un dovere morale per il nostro Paese. Solo così si potranno rimarginare le ferite, perché non c’è futuro senza memoria del passato.

montecitorio

La Storia, a volte, si ripete – ha affermato Ettore Rosato, Capogruppo PD alla Camera – ma le storie non sono tutte uguali. E quelle dei 300mila esuli giuliano-dalmati sono per un verso una grande storia collettiva ma sono, soprattutto, la testimonianza di tante singole tragedie e sofferenze, perdite e riconquiste, sconfitte e vittorie che caratterizzano lo specifico umano.

Alla presentazione, nella Sala Aldo Moro di Montecitorio, del volume “Protagonisti senza Protagonismo” di Viviana Facchinetti (a cura dalla giornalista Lucia Bellaspiga), moderata da Marina Sereni, Vice Presidente della Camera dei Deputati hanno portato il loro contributo Laura Garavini, componente dell’ufficio di presidenza del Gruppo del Pd; Fabrizio Somma, Presidente dell’Università Popolare di Trieste; Dario Locchi, Presidente dell’Associazione Giuliani nel Mondo; Davide Rossi, Consigliere del Centro di Documentazione Multimediale; Furio Radin, Presidente dell’Unione Italiana e Antonio Ballarin, Presidente delle Federazione delle Associazioni degli Esuli Istriani, Fiumani e Dalmati. Le conclusioni sono state tratte dal Capogruppo del Pd alla Camera dei Deputati, Ettore Rosato.

foto

L’EMIGRAZIONE GIULIANO-DALMATA PROTAGONISTA ALLA CAMERA DEI DEPUTATI
0.00(0 votes)

Post by editoria

Comment(0)