FIUME – È stato (quasi tutto) all’insegna delle accese turbolenze e del virtuosismo postromantico il brillante recital di Andrey Stukalov, il giovane pianista russo vincitore del XV Premio Pianistico Internazionale “Stefano Marizza”. Il concorso – dedicato al giovane pianista triestino Stefano Marizza, venuto prematuramente a mancare – si realizza con il sostegno dell’Università Popolare di Trieste in collaborazione con il Conservatorio di Trieste e con la famiglia Marizza ed adempie ad una nobile quanto utile azione di scoperta e lancio di giovani talentuosi provenienti in particolare dall’area dell’Europa centrale e orientale, conferendo rinnovato impulso e slancio all’ardua arte pianistica.
Da quanto udito mercoledì sera nell’afoso Salone delle Feste della Comunità degli Italiani, anche il concerto del venticinquenne Stukalov si pone sulla scia degli eventi musicali – dovuti al Premio “Marizza” – che si impongono per l’importante dispiego di giovani energie, di alta scuola pianistica e cultura musicale, per la generosa e sentita comunicazione, e quindi sono inevitabilmente destinati a lasciare il segno in quanti li seguono e colgono il loro valore.
L’esigente programma ha preso avvio con la brillante e filigranata Sonata in Mi bem.magg. Hob. XVI: 52 di J. Haydn, con la quale fin da subito Stukalov si è messo in luce per l’autorevolezza e l’energia del tocco, la precisa rifinitura strutturale e musicale, il dominio tecnico e la plasticità del fraseggio. Il valzer “Vino, donne e canto” di Johann Strauss nell’acrobatica trasposizione pianistica di Leopold Godowsky, – uno dei grandi virtuosi della prima metà del Novecento che si esibì pure a Fiume con la Società di Concerti – è stato il secondo brano del programma con il quale Stukalov ha avuto modo di sfoggiare tutto il rutilante e pirotecnico repertorio di procedimenti tecnici, a corollario dei celebri temi straussiani portati dall’interprete con garbo e contenuto charme. Quindi il Rachmaninoff più noto con l’Etude-tableau op. 39 n. 5 eseguita nella sua ampia gestualità melodica con impetuosità e intenso vigore sonoro, mentre nel “Momento musicale” op. 16 n.1 (composizione “ibrida” perché contiene elementi del notturno e del genere delle variazioni) sono emersi il “legato” e la plasticità del fraseggio valorizzato da dosata e intimistica partecipazione.
Il completo controllo della complessiva e complessa situazione tecnico-musicale-sonora è stato ribadito da Stukalov nella grande Sonata op. 36 n. 2. di Rachmaninov. Pulsante, turgida, frastagliata, questa composizione è stata delineata dal pianista con coerenza entro una narrazione coesa ed organica e caratterizzata nella sua materia tematica in maniera pregnante. Intenso il secondo movimento, i cui tanti episodi sono stati finemente cesellati nella loro sorprendente varietà. L’arduo e ribollente terzo movimento, traboccante di tematiche permutazioni, è scivolato con concitata urgenza sorretta constantemente da un’altissima tensione interiore. Davvero ammirevole. E come pezzo fuori programma ancora uno Strauss-Godowsky, molto rilassato e spumeggiante.
Il giovane artista è stato accolto dal benvenuto della presidente della CI Agnese Superina e di Susanna Isernia, a nome dell’UPT. Calorosi e prolungati gli applausi dell’attento pubblico.Andrey Stukalov (Krasnoyark 1987) ha studiato al Conservatorio di Stato di Mosca con S. Dorensky. Tra i diversi premi ottenuti in ambito internazionale rileviamo il II premio alla VII competizione internazionale “Sigismond Thalberg” di Napoli e il II premio alla competizione “Delia Steinberg” di Madrid.

Patrizia Venucci Merdžo

Brillante concerto di Andrey Stukalov
0.00(0 votes)

Post by admin

Related post

Premio Marizza

Si rinnova l’appuntamento con il Premio Pianistico Internazionale “Stefano Marizza”

Comment(0)