MARIBOR – Nell’ambito delle manifestazioni culturali italiane a “Maribor-Capitale Europea della Cultura 2012”, questa sera, alle ore 17.30, presso Villa Vetrinj, si terrà l’inaugurazione dell’esposizione “Imago Trieste” dedicata alla città Giuliana ed al suo entroterra. Farà seguito, presso il Salone degli Specchi del Teatro popolare sloveno, alle ore 19.30, la manifestazione “Specchio melodico italiano”, un gala concertistico che vedrà protagonisti musicisti appartenenti alla Comunità Nazionale Italiana di Slovenia e Croazia.
La serata, dedicata al repertorio classico, cameristico, lirico e della canzone italiana, proporrà brani di compositori italiani e istriani; non mancheranno musiche dal repertorio internazionale. Si esibiranno talenti musicali giovani come pure artisti già affermati, con una ricca esperienza concertistica anche internazionale. Ad intrattenere il pubblico saranno Francesco Squarcia, Goran Filipec, Marco Graziani, la Camerata polensis, il duo Magic flutes, Eleonora Matijašić, Neven Stipanov e Manuel Šavron.
Francesco Squarcia, nato a Fiume, per 35 anni ha fatto parte dell’Orchestra sinfonica dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia di Roma, è stato fondatore ed animatore del complesso d’archi Cameristi Italiani, si è meritato il conferimento del prestigioso Premio Prešeren. Neven Stipanov, nato a Capodistria, diplomato al Conservatorio Giuseppe Tartini di Trieste in clarinetto e in canto lirico, alterna l’attività pedagogica a concerti in patria e all’estero. Il fiumano Goran Filipec, premiato in numerosi concorsi pianistici internazionali, frequenta attualmente gli studi dottorali presso il Conservatorio statale P.I.Chaikovsky di Mosca. Marco Graziani, anch’egli fiumano, dopo gli studi al Conservatorio fiumano, frequenta seminari sotto la guida di maestri internazionali, tra i quali il violinista Salvatore Accardo. Proclamato miglior giovane musicista della Croazia nel 2006, è stato premiato a importanti concorsi internazionali.
Eleonora Matijašić, nata a Capodistria, diplomata in canto presso il Conservatorio Giuseppe Tartini di Trieste, è vincitrice di concorsi nazionali ed internazionali e svolge da anni una notevole attività concertistica, esibendosi in Italia, Slovenia, Croazia e Ungheria in qualità di soprano lirico leggero. Manuel Šavron, anch’egli nato a Capodistria, porta avanti gli studi in fisarmonica presso il Conservatorio Giuseppe Tartini di Trieste ed ha già conseguito diversi premi in vari concorsi nazionali e internazionali.
Il duo Magic flutes, nato nel 1998, è composto da Nataša Dragun e Samanta Stell, che nelle loro esecuzioni usano diversi tipi di flauti dolci, ocarine, e tutta la famiglia dei flauti moderni. La Camerata polensis è un quintetto fondato a Pola nell’ambito dei Laboratori musicali Arena International, al fine di promuovere musiche di compositori istriani di ieri e di oggi, valorizzando l’apporto degli autori di origine istro-veneta al patrimonio musicale mondiale.

Organizzato dall’Unione Italiana, in collaborazione con il Centro Italiano “Carlo Combi” di Capodistria, la Comunità degli Italiani “Santorio Santorio” di Capodistria, l’Università Popolare di Trieste, l’evento gode dell’Alto Patronato del Presidente della Repubblica Italiana, Giorgio Napolitano.

Uno «Specchio melodico italiano» da scoprire
0.00(0 votes)

Post by admin

Related post

Comment(0)