Fabrizio Somma ha comunicato oggi al Consiglio di Amministrazione dell’Università Popolare di Trieste d’aver rassegnato le sue irrevocabili dimissioni dalla carica di Presidente dell’Ente Morale, avendo sottoposto la sua candidatura per la posizione di Direttore Generale. Le dimissioni decorrono già da domani, 22 settembre, e ciò a prescindere dall’esito della procedura di selezione.

Una decisione – afferma Fabrizio Somma, ringraziando i Consiglieri e, soprattutto, il personale dell’Università Popolare di Trieste, collaboratori interni ed esterni, per la dedizione, l’impegno e la professionalità sempre assicurata all’Ente – maturata dopo una lunga riflessione, anche a seguito delle tante voci sulla mia candidatura che hanno innescato una reazione di solidarietà e incoraggiamento, forse inaspettata per qualità e quantità, da parte di decine di persone, con cariche istituzionali o privati, sia a Trieste che delle Comunità Italiane in Slovenia, Croazia, Montenegro e Bosnia. Tali attestati di stima e amicizia mi hanno incoraggiato a continuare con il lavoro fatto in questi tre anni e mezzo di presidenza, in maniera ancor più incisiva, ossia con un ruolo non di semplice rappresentanza (fondamentale ma forse non sufficiente), ma anche pienamente operativo.

Ho quindi ritenuto congruo – sottolinea Fabrizio Somma – presentare la mia candidatura a Direttore Generale, nel senso della continuità del mio impegno per l’Ente (impegno trentennale, prima in veste di dipendente e quindi in quelle di Vice-Presidente e poi Presidente), nonché della mia dedizione alle problematiche inerenti al Gruppo etnico italiano dei paesi della ex Yugoslavia, ancorché questo possa rappresentare – qualora fossi prescelto – un ridimensionamento del mio ruolo istituzionale, al fine di garantire continuità e operatività all’Ente.

Somma, ha rassegnato le dimissioni da Presidente dell’UPT
0.00(0 votes)
Comment(0)