L’Italia a Maribor – Capitale Europea della Cultura 2012: verranno presentati giovedì prossimo a Capodistria, presso la sede della Comunità degli Italiani “Santorio Santorio”, gli eventi dedicati al Bel Paese, alla sua millenaria cultura e alla sua espressione artistica, spalmati nell’arco di tutto il mese di aprile, sotto il titolo “Dall’Italia: tradizione e modernità”.
In totale, sono state organizzate per l’occasione dieci manifestazioni, alle quali si affiancheranno altri significativi momenti culturali a Lubiana.
Il Programma culturale dell’Ambasciata d’Italia per Maribor – Capitale Europea della Cultura 2012, gode dell’Alto Patronato del Presidente della Repubblica Italiana, S.E. Giorgio Napolitano.
All’incontro stampa capodistriano di Palazzo Gravisi, con inizio alle ore 11, interverranno l’Ambasciatrice d’Italia in Slovenia, Rossella Franchini Sherifis, e il Presidente della Giunta Esecutiva dell’Unione Italiana, Maurizio Tremul.
Come già da noi anticipato, l’apertura delle manifestazioni italiane è affidata alla mostra di Ottavio Missoni “Il genio del colore”, che sarà inaugurata il 4 aprile alla Villa Vetrinj (e rimarrà aperta fino alla fine del prossimo mese). Questo contenuto è stato scelto dall’Ambasciata a testimonianza delle profonde radici culturali di una produzione manifatturiera d’alta gamma, apprezzata in tutto il mondo: a partire da un marchio inconfondibile del “Made in Italy”, rende emblematica una storia di successo strettamente legata alla sponda orientale dell’Adriatico, dove lo stilista è nato.
Diversi e di richiamo pure gli altri appuntamenti, di cui si parlerà nei prossimi giorni, e tra i quali anticipiamo quelli che coinvolgono la Comunità Nazionale Italiana, come ad esempio “Specchio melodico istriano”, gala concertistico (5 aprile) con protagonisti i pianisti Ana Cuic Tankovic e Goran Filipec, il violinista Marco Graziani, il soprano Eleonora Matijasic e il baritono Neven Stipanov, il fisarmonicista Manuel Savron, il violista Francesco Squarcia e Magic flutes.
L’11 aprile verrà proposto un assaggio del progetto multimediale “Istria nel tempo”, che si compone di una serie di sei documentari realizzati da TV Capodistria e di un volume lessicografico curato dal Centro di Ricerche Storiche di Rovigno.
Inoltre, il 23 aprile si parlerà dell’antologia “Versi diversi” (che offre uno spaccato della produzione poetica contemporanea della minoranza italiana in Slovenia e Croazia e di quella slovena in Italia) e delle pubblicazioni della Casa Editrice Edit.
Il concerto Folkhistria, il 26 aprile, sarà l’evento conclusivo dell’Ambasciata culturale italiana.

L'Italia a Maribor, fra tradizione e modernità
0.00(0 votes)

Post by admin

Related post

Comment(0)