ZAGABRIA – Il Consiglio nazionale delle minoranze nazionali ha approvato la Delibera sull’assegnazione dei fondi assicurati alle etnie dal Bilancio per il 2012. Si tratta di 42,5 milioni di kune, cioè lo 0,45 per cento in meno rispetto all’anno scorso. Aleksandar Tolnauer, presidente del Consiglio, ha spiegato che non si finanziano le istituzioni e associazioni, bensì i loro programmi, tenendo conto della qualità di questi ultimi. “Il Consiglio risponde al Sabor e al governo, non alle associazioni, che vorrebbero determinare l’entità del denaro che sarà loro assegnato”, ha puntualizzato Tolnauer, aggiungendo che né il Consiglio né i rappresentanti delle etnie non reagiranno alle eventuali pressioni effettuate da Stati esteri per le proprie minoranze in Croazia. Ha poi rilevato che il Consiglio a più riprese ha chiesto di modificare la Legge sulle associazioni per ciò che concerne le etnie, rivelando che ci sono alcune associazioni fondate da poco che non sanno ancora bene i criteri secondo i quali operare.

NIENTE AUTOMATISMO Per ciò che concerne le istituzioni della CNI, Tolnauer ha puntualizzato che i finanziamenti sono rimasti ai livelli dell’anno scorso, ovvero poco più di 8,5 milioni di kune. “Tra le altre associazioni delle minoranze, alcune sono state penalizzate, altre hanno ricevuto forse un minimo in più dell’anno scorso. Come ho già precisato, da quest’anno ci siamo adeguati alle normative europee, per cui sono stati assegnati fondi solamente ai programmi validi, ovvero a quelli che le associazioni stesse possono portare a termine con successo. Ringrazio il governo che ha cercato in tutti i modi di non ridurre troppo i finanziamenti alle etnie, mantenendo così la possibilità che le stesse possano svolgere con tranquillità i propri programmi culturali”, ha precisato Tolnauer, ribadendo che i finanziamenti concessi dal Consiglio “non vanno più avanti quasi per automatismo, ma in base alla validità dei programmi”.
Il vicepresidente del Consiglio, Veseljko Čakić, ha dichiarato che sono 107 le associazioni delle minoranze nazionali che hanno presentato le richieste di finanziamento dei propri programmi e che 77 di queste sono state approvate. Durante la sessione è stato proposto che le associazioni che ancora non hanno presentato la documentazione necessaria lo facciano entro 60 giorni, oppure dovranno rendere il denaro ricevuto.

RENDICONTO Il Consiglio ha approvato il rapporto annuale per il 2011 sulle spese sostenute e Tolnauer ha voluto precisare che “la maggioranza delle associazioni ha adeguato il proprio lavoro alla nuova legislazione e a una migliore e mirata amministrazione finanziaria”. Il presidente ha poi ribadito che non si possono finanziare le associazioni delle minoranze nazionali solamente per permettere loro di celebrare le festività della propria Nazione madre. Per ciò che concerne l’anno scorso, è stato finanziato il lavoro di 89 associazioni, mentre a 8 sono preclusi ulteriori finanziamenti a causa di irregolarità nel loro operato. Sono state bloccate 95.000 kune di finanziamenti per sei associazioni che non hanno presentato rapporto sul denaro speso. “Si tratta del 200 per cento in rapporto al 2010, quando erano state bloccate 32.000 kune per mancato adempimento agli obblighi”, ha puntualizzato Tolnauer.

Erika Blečić

Alla Sessione del Consiglio Nazionale delle Minoranze ripartiti i finanziamenti per il 2012
0.00(0 votes)

Post by admin

Comment(0)