antologia_istria_nobilissima

And “Istria Nobilissima” Goes To…

No, non ci siamo ancora, ma intanto come gradevole lettura per “ingannare” l’attesa della proclamazione ufficiale dei vincitori di quest’anno – che avverrà nell’ambito della cerimonia solenne della consegna dei premi in data ancora da scoprire –, arriva l’Antologia delle opere che si sono aggiudicate la 47.esima edizione del Concorso d’Arte e di Cultura tradizionalmente promosso dall’Unione Italiana e dall’Università Popolare di Trieste. Il volume verrà presentato domani, giovedì 21 maggio, nella sede della Comunità degli Italiani di Santa Domenica, con inizio alle ore 18.30. Interverranno per l’occasione, oltre ai rappresentanti degli enti promotori, la titolare del settore Cultura della Giunta esecutiva dell’UI, Marianna Jelicich Buić, che parlerà dei lavori relativi alla categoria Letteratura – Premio Osvaldo Ramous, il critico d’arte Lorella Limoncin Toth, che illustrerà quelli della categoria Arti visive – Premio Romolo Venucci, e Massimo Belli, direttore d’orchestra, che si soffermerà sulla categoria Musica – Premio Luigi Dallapiccola. Come da titolo, l’Antologia in questione racchiude, in poco più di 130 pagine, l’elenco di tutti i partecipanti premiati e segnalati – con le relative motivazioni –, i componenti delle commissioni giudicatrici, le opere scritte e figurative che hanno vinto al concorso del 2014, la prefazione di Marianna Jelicich Buić e una serie di contributi critico-introduttivi sulle diverse categorie e sezioni di “Istria Nobilissima” numero 47.
Lo scorso anno, dunque, si sono affermati, per quanto concerne la poesia, Giacomo Scotti di Fiume (I premio), Vlado Benussi di Rovigno (II premio), Vanda Matejčić di Pola e Lidia Delton di Dignano (menzione onorevole), rispettivamente, nel campo della prosa, Mario Schiavato di Fiume (I premio), Rosanna Bubola di Buie (II premio) ed Ester Barlessi di Pola (menzione onorevole). Sempre in tema di prosa narrativa e poesia, Kenka Lekovich di Trieste ha ottenuto il secondo premio nella categoria riservata ai cittadini residenti negli altri Paesi, di origine istriana, istroquarnerina e dalmata.
Nel settore teatrale è stata attribuita la menzione onorevole al testo del capodistriano Marco Apollonio, mentre le arti visive hanno segnato un secondo premio a Massimiliano Paladin di Fiume (pittura, scultura e grafica) e una menzione onorevole alla sua concittadina Manuela Paladin Šabanović (design, arti applicate, illustrazione); nella fotografia, invece, primo premio a Romano Grozić di Samobor, secondo a Luiza Štokovac di Cittanova e menzione onorevole a Karin Shalaby di Capodistria e Dean Durin di Gallesano.
Nella musica (esecuzione strumentale, vocale o corale) si sono imposti Chiara Jurić di Pola (I premio) e Nereo Arbula di Fiume (II premio), mentre per quanto concerne i giovani, promossi Martina Matika di Rovigno (I premio), Sven Mattias Lidén di Pirano (II premio), Anastasia Marčelja di Fiume e Dino Matošević di San Lorenzo (a entrambi è andata la menzione onorevole).
Gli occhi ora sono tutti puntati sui risultati della 48.esima manifestazione, cui tradizionalmente si ricollegano il Premio giornalistico “Paolo Lettis”, riservato a quanti operano nei mass media, e il Premio “Antonio Pellizzer”, rivolto agli educatori e ai docenti delle istituzioni prescolari e scolastiche della Comunità Nazionale Italiana. L’incontro a Santa Domenica è organizzato da UI – UPT in collaborazione con la locale Comunità degli Italiani. (ir)

da “La Voce del Popolo” di Fiume

Una finestra sulla creatività e sulla cultura della CNI
0.00(0 votes)
Comment(0)