Tra gli appuntamenti più attraenti e prestigiosi del programma culturale della Comunità degli Italiani di Fiume in questo afoso giugno quarnerino – nel cui cuore fibrillano le celebrazioni del santo patrono San Vito – bisogna annoverare la presentazione del CD “Dal XVI secolo all’epoca preclassica – Dall’Istria verso l’Europa” realizzato dal “Collegium Musicum Fluminense”, l’ensemble di musica antica su strumenti barocchi della Società artistico-culturale “Fratellanza”, avvenuta martedì sera nella dorata Sala delle Feste della Comunità degli Italiani di Fiume. Questa incisione rappresenta la realizzazione concreta del Premio promozione di “Istria Nobilissima 2000” per la categoria Musica (esecuzione strumentale) e costituisce, per l’attività della compagine in genere, “un motivo d’orgoglio ed un arricchimento per la Comunità degli Italiani di Fiume e di conseguenza, per tutto il Gruppo Nazionale Italiano” come rilevato dal Presidente della Comunità degli Italiani Alessandro Leković in questa occasione.
Erano presenti in sala, oltre ad un attento pubblico di connazionali e di cittadini della maggioranza (a prova della nostra apertura verso l’ambiente maggioritario e della validità della nostra offerta culturale) il Vice Console italiano a Fiume Sossio Natale, Alessandro Rossit, Giacomo Scotti, Orietta Marot, in rappresentanza dell’Università Popolare di Trieste e dell’Unione Italiana, gli Enti che hanno materialmente reso possibile il concretamento del citato premio. Come ricordato dalla prof. Orietta Šverko in apertura, “il complesso è formato da musicisti che fanno musica da camera ad altissimo livello unitamente ad una ricerca filologica accurata”.
Il M° Fabio Vidali del Conservatorio di Musica di Trieste ha rilevato di non ricordare senza emozione l’esecuzione del complesso a “Istria Nobilissima” di tre anni fa e la giustezza e felicità dell’assegnamento del premio ad un complesso degno e validissimo. Volendo andare alle ragioni che hanno spinto i musici fiumani alla scelta di tale forma concertistica e di programma, Vidali, oltre alla volontà di purificare il suono e lo stile, ha rilevato (giustamente) l’intenzione di promuovere e mettere nella grande famiglia della cultura europea gli ingegni musicali dell’Istria, di Fiume, della Dalmazia in quanto parte integrante di questa cultura. Infatti, come già illustrato dal significativo titolo del CD, tra gli autori figurano nomi di rilievo quali Andrea De Antiquis da Montona – grandissimo personaggio di editore musicale e compositore, personalità ammirata e combattuta – (“Frottole intabulate da sonar organi”, “Virgine bella”), Gabriele Usper Sponga (“Sonata a tre”) strettamente legato all’ambiente veneziano, Francesco Usper Sponga (“Sinfonia seconda a otto”), ambedue originari di Parenzo. Da non dimenticare il raguseo Luka Sorkočević – Sorgo (“Sinfonia n. 3 in re magg.”) ed il grandissimo piranese Giuseppe Tartini che rivoluzionò la tecnica violinistica (inventò l’archetto moderno). Seguendo questo istinto europeista, i musicisti fiumani convogliano l’eredità musicale europea di queste terre in una compilazione interessante del CD che comprende pure i grandi autori quali Girolamo Frescobaldi, Henry Purcell, Vivaldi e Handel.
Martedì sera il “Collegium Musicum Fluminense” ha eseguito nove movimenti dal “Re Artù” di Purcell con quella cura, rispetto dello stile, freschezza e affiatamento che li contraddistinguono. Nella loro tensione volta alla ricerca della “ricostruzione” del suono barocco – un tipo di sonorità più raccolta e dolce – i musicisti usano delle copie di strumenti seicenteschi (violini, viola) realizzati da Marinko Baljak su modello del liutaio veneziano Carlo Mondi; gli altri strumenti sono costituiti dalla viola da gamba (secondo Nicolas Bertand, Parigi 1705), dall’oboe (secondo Stanesby) e dal clavicembalo (William de Blase). Il complesso, il quale è stato fondato quindici anni fa da David Stefanutti che è pure la guida artistica del gruppo, si è guadagnato numerosi riconoscimenti tra i quali il diploma del prestigioso premio “Milka Trnina 2000”.

Patrizia Venucci

Sonorità barocche e preclassiche
0.00(0 votes)

Post by admin

Related post

Comment(0)