DIGNANO – Prestigioso appuntamento culturale a Dignano, questa sera alle ore 19: nella splendida cornice di Palazzo Bradamante, sede della Comunità degli Italiani, avrà luogo la presentazione del 42.mo volume dell’Antologia delle opere premiate al Concorso d’Arte e di Cultura “Istria Nobilissima”, valida testimonianza dell’attività creativa e culturale del gruppo italiano dell’Istria e di Fiume, della sua vena poetica e della sua inventività artistica. Il volume sarà presentato dal prof. Elvio Guagnini per la sezione “Letteratura” e dal M° Marino Baldini per la sezione “Arti Visive”.
Alla manifestazione, introdotta da alcuni brani del coro della CI di Dignano, parteciperanno i rappresentanti dell’ Unione Italiana, dell’Università Popolare di Trieste, il console generale d’Italia a Fiume, Renato Cianfarani, il sindaco di Dignano, Klaudio Vitasović, e i massimi rappresentanti della locale CI. Saranno presenti i componenti della Redazione dell’Antologia, proff. Elvio Guagnini, Enzo Santese e Irene Visintini per l’UPT, e i proff. Marino Baldini, Corinna Gherbaz e Mario Steffè per l’UI.
Anche il 42.mo volume dell’ “Antologia” offre una ricca raccolta di scritti poetici e narrativi, di saggi culturali, di opere artistiche e musicali di autori noti e “nuovi”: è un’edizione il cui livello qualitativo ha corrisposto a quello quantitativo. Un’annata che Nelida Milani Kruljac, nella sua dettagliata e ben articolata “Prefazione”, ha definito “feconda”, un’annata che “chiude con un bilancio positivo”.
Il volume è particolare anche perché contiene l’ultima, suggestiva “Introduzione” alla Categoria “Arti Visive”- “Premio Romolo Venucci” del grande Maestro e critico d’arte triestino Sergio Molesi, validissimo consulente artistico dell’UPT, scomparso un anno fa. Un testo estremamente significativo, uno degli ultimi scritti di un “grande uomo, amato e rispettato da tutti, un punto fermo per gli artisti della CNI, uno tra i promotori della collaborazione tra UI e UPT, una persona che ha colto il significato più profondo della nostra storia di gente di confine”, così la caporedattrice della “Battana”, Corinna Gherbaz Giuliano.
L’Antologia consente di tracciare una mappa della produzione più rilevante anche in campo letterario, scientifico e musicale, con autori premiati che costituiscono la coscienza, la memoria e anche la speranza della CNI. L’Antologia ha confermato la vitalità linguistica e nazionale della minoranza italiana, che in questi anni è sempre riuscita ad affermare identità e cultura proprie, dalle connotazioni specifiche e ben riconoscibili e ha saputo rivendicare la propria legittimità storica e la soggettività culturale “di frontiera” nel suo particolare contesto geopolitico.

Presentazione del 42.esimo volume dell'Antologia delle opere premiate a «Istria Nobilissima»
0.00(0 votes)

Post by admin

Related post

Comment(0)