Dall’1 marzo, ogni giovedì dalle ore 18 alle ore 19.40, presso l’Istituto “Dante Alighieri” di via Giustiniano 7

Continua il nostro percorso storico-artistico attraverso i grandi movimenti del Novecento e l’analisi delle loro connotazioni e coinvolgimenti culturali, politici ed economici. Dal 1945 tutta l’arte del dopoguerra dall’Informale, attraverso l’Action Painting, la Pop Art di Leo Castelli, l’arte Concettuale grande contenitore per Land Art, Arte Povera, Arte Cinetica, Performance Art, Body Art degli anni ’60 e ’70, con rispettive connotazioni sociali, culturali e politiche. La nuova valenza del corpo politico nell’arte del secondo dopoguerra da Marina Abramovic a Valie Export, da Ana Mendieta a Tracey Emin. L’arte quindi come spia di cambiamento e strumento di protesta. La grande fotografia da Nan Goldin a Diane Arbus, da Francesca Woodman a Robert Mappletrope, per citarne alcuni. Alcune lezioni saranno interamente dedicate al mercato dell’arte, alle sue regole e continue evoluzioni, dalla figura del primo gallerista moderno Leo Castelli ai giorni nostri.  Tutto sarà supportato da video, interviste e testimonianze di addetti ai lavori ospiti in aula.

Inoltre, sono previste visite guidate al Museo Revoltella, a mostre che saranno di interesse per l’argomentazione trattata e incontri diretti con addetti ai lavori del mondo dell’arte contemporanea. Tutte le lezioni si svolgeranno con supporti video e proiezioni.

Per informazioni: tel. 040 6705200

Le Avanguardie Storiche, con Francesca Martinelli
0.00(0 votes)
Comment(0)