Contraddizioni e conflitti nell’arte tra fine ‘800 e inizi ‘900

Insegnante: Francesca Martinelli

Sede del corso: Scuola Media Divisione Julia – Viale XX Settembre, 26

Periodo del corso: dal 7 febbraio al 2 maggio 2018,  ogni mercoledì dalle 18.40 alle 20.20

Quota di iscrizione al corso monografico: € 153,00

Quota associativa: € 20,00

Il corso monografico mira all’individuazione dei caratteri culturali specifici all’interno di un contesto storico ben circoscritto: la Belle Époque. Con questo termine si indica il periodo storico, culturale e artistico europeo che va dall’ultimo ventennio dell’Ottocento all’inizio della Prima guerra mondiale.

La nascita di una dirompente e convulsa età dell’oro è stata la culla dell’Impressionismo francese e di importanti rivoluzioni pittorico-visive nel mondo dell’arte.

L’indagine qui proposta prevede un metodo interdisciplinare dove, attraverso pittura, scultura, fotografia e indagine socio-culturale, si metteranno in luce le grandi contraddizioni all’interno del movimento impressionista e non solo.

Autori come Claude Monet, Edgar Degas, Pierre-Auguste Renoir, Alfred Sisley, Federico Zandomeneghi, Camille Pissarro, Jean-Frédéric Bazille e Gustave Caillebotte verranno studiati e contestualizzati in termini antitetici. 

Si svelerà la grande ombra nera caduta su personalità come Vincente Van Gogh

Il fine è tracciare una linea di gusto anti-impressionista e capire dove e perché pone le sue radici: l’aspetto iconografico e rappresentativo non sempre è la risposta, bisogna indagare altrove!

Il corso sarà supportato da proiezioni foto e video

N.B. Per rispettare gli impegni degli Istituti scolastici che ospitano i corsi dell’Università Popolare, durante l’anno alcune lezioni dovranno essere sospese in occasione dei ricevimenti pomeridiani dei genitori degli studenti e saranno recuperate il venerdì della stessa settimana alla stessa ora.

Impressionismo e Contro Impressionismo
0.00(0 votes)

Post by webmaster

Comment(0)