STORIA DELL’ARTE – Dall’Erotismo alla Pornografia nell’Arte.

Ins. Francesca Martinelli
Modulo unico:
Dal 20 ottobre 2016 al 4 maggio 2017
Giovedì 18.00 – 19.40
Pittura, scultura, fotografia, disegno, incisione, illustrazione, fumetto….…l’arte tra l’erotismo e la pornografia vista attraverso i secoli e l’opera di vari autori.
Attraverso un’analisi estetico antropologica (tenendo conto delle dinamiche geografiche e di mercato), si indagherà sulla tematica complessa e non circoscrivibile della rappresentazione erotica e di quella pornografica nella storia dell’immagine. Verranno prese in considerazioni discipline trasversali e atteggiamenti o comportamenti considerati deviati dal senso comune, quali perversioni e parafilie (voyeurismo, necrofilia…). Si ritiene questo procedimento fondamentale all’interno di un approccio semiologico dell’opera. La storia della rappresentazione erotica comprende, oltre a dipinti, scultura e fotografia, anche arte drammatica, cinema, musica e letteratura. Queste sono state create da quasi tutte le civiltà, sia antiche che moderne. Ecco spiegato il fenomeno globale del porno quale evento sociale, culturale e artistico e che sarà al centro di questo corso per raccontare l’approccio dell’arte alla pornografia, conducendo il pubblico a superare lo shock estetico delle opere esposte per leggerne il messaggio profondo.

Dall’Origine del mondo di Courbet che presenta un taglio sconvolgente, quello dell’organo femminile squadernato mollemente sotto il monte di Venere, alla Toelette di Boldini, a Robert Auer, il brivido dei baci più profondi e peccaminosi nel cuore dell’Art Nouveau. E poi Hans Sebald Beham e il sesso contadino nella campagne del cinquecento, un incisore di illustrazioni erotiche e pittoresche. Dai disegni erotici di Francesco Hayez fino all’erotismo pionieristico di Carol Rama, dagli affreschi generazionali di Daniele Galliano alle immagini erotiche dell’icona pop Keith Haring che denunciano i miti della civiltà dei consumi.
Nei lavori che verranno analizzati il riferimento sessuale, anche quando esplicito, non è mai gratuito. Se, ad esempio, Man Ray attratto dalla pornografia, dipinge ispirandosi a De Sade e fotografa modelle, amiche e amanti, nella contemporaneità Vanessa Beecroft, invece, propone una nudità del tutto priva di erotismo. Il genio torinese di Carlo Mollino erompe nella ricca collezione di Polaroid realizzate negli anni ‘60, protagoniste fidanzate, amiche e prostitute ritratte nude in interni meticolosamente allestiti. E ancora, una sezione dedicata al fumetto con opere di Milo Manara, illustratore, autore di disegni dal tratto raffinato e di storie intriganti, tra vita e psicanalisi. Per citare infine le donne desiderose dell’incontro carnale di Hugo Pratt. E poi Crepax e Frollo….questi solo alcuni degli autori che verranno affrontati.
A supporto delle lezioni ci saranno sempre proiezioni fotografiche e video.
Corso rivolto ad utenti maggiorenni.
Quota di frequenza: € 196,00

Storia dell’Arte – Dall’Erotismo alla Pornografia nell’Arte
0.00(0 votes)

Post by editoria

Comment(0)